Corini: “L’Hellas è una corazzata, ma…”

Corini: “L’Hellas è una corazzata, ma…”

Il doppio ex: “Il Verona è come il Cagliari dello scorso anno. Brescia sfavorito? Anche contro il Cittadella lo era”

Intervistato dal quotidiano “Brescia Oggi”, Eugenio Corini, che in carriera ha vestito sia la maglia gialloblù che quella delle “rondinelle”, ha parlato delle due squadre e ha indicato cosa si aspetta di vedere dalla sfida di domenica, in programma al “Bentegodi” alle ore 12,30.

Così l’ex calciatore: “Il Brescia ha avuto veramente un ottimo approccio. Ha già ottenuto risultati importanti, battendo big come Frosinone e Cittadella, che ha sempre vinto eccetto quella volta. Inoltre, i ragazzi di Brocchi hanno fatto bene anche contro il Bari. Mi ricorda il Brescia di Varrella in cui giocavo anch’io: partimmo molto bene, poi furono venduti Nappi e Pierleoni. Sarebbe come far partire adesso Pinzi e Caracciolo… Questo Brescia è da play-off? Non metterei pressione addosso a un gruppo di ragazzi che ha bisogno di spensieratezza. Ci sono tanti talenti. Di Morosini si sapeva, mentre Bonazzoli può crescere molto. Altri giocatori interessanti sono Bisoli a centrocampo e Untersee che appoggia bene l’azione. Brocchi fa un gran lavoro: il Brescia ha una fisionomia precisa e i margini di miglioramento di qualche giovane sono notevoli”.

Prosegue Corini: “Quanto al Verona, i gialloblù stanno rispettando il pronostico. Hanno perso una partita a Benevento, ma erano in 10 già dopo 5 minuti. Sono una corazzata come il Cagliari dell’anno scorso, con una ventina di titolari”.

Infine, una battuta sul match di domenica: “Il Verona domenica gioca in casa: attaccherà dall’inizio. Il Brescia dovrà fare la partita perfetta, contro una squadra che non perdona e che ha tante soluzioni per fare gol. La squadra di Pecchia è la favorita per domenica, ma anche il Cittadella lo era…”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy