Lo sfogo di Malesani: “Deriso sui social, non mi vuole più nessuno. Ma oggi non si insegna più il calcio”

Lo sfogo di Malesani: “Deriso sui social, non mi vuole più nessuno. Ma oggi non si insegna più il calcio”

Il tecnico di San Michele: “Ho compreso che la stima nei miei confronti è venuta meno. Oggi serve vincere subito”

di Redazione Hellas1903

Alberto Malesani, ex allenatore dell’Hellas e veronese di San Michele Extra, parla al Corriere dello Sport. Duro lo sfogo del tecnico, senza panchina da tempo, che, tra le altre cose dice: “Sono un allenatore che avrebbe meritato un finale di carriere decisamente migliore. Il calcio mi manca, mi manca tanto. Ho sbagliato a fare determinate scelte, spesso mi sono impuntato su uno stile di gioco senza pensare ai risultati nel breve periodo, ignorando il fatto che, nel calcio di oggi, c’è fretta di vincere. Sono stato chiamato anche per fare l’opinionista, ma mi sono tirato indietro in men che non si dica. Non ce la faccio, non si può giudicare un allenatore senza sapere come lavora. Oggi c’è gente che siccome va di moda il calcio di Guardiola allora prova a scopiazzarlo. È sbagliato! Ognuno deve esprimere se stesso e deve far esprimere al meglio i suoi giocatori”.

Prosegue Malesani: “Ho fatto dei sondaggi, volevo capire perché nessuno pensava più a me. Ho compreso che la stima nei miei confronti è venuta meno, e poi ciò che si cerca oggi è quasi sempre un allenatore bravo nella breve esperienza, nel trascinare un gruppo verso l’obiettivo prefissato. Non si insegna più il calcio. Un ruolo importante, purtroppo, credo che l’abbiano giocato anche i social. Sono stato giudicato per le immagini e non per il lavoro che ho fatto sul campo come avrebbe dovuto essere, le mie esternazioni, le mie espressioni, il mio modo di essere persona e di evidenziare la passione per il calcio sono stati ripresi dai social e di conseguenza sono stato deriso e sbeffeggiato”.

L’intervista completa sul Corriere dello Sport

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy