Statistiche, il Verona si sveglia nel secondo tempo

Statistiche, il Verona si sveglia nel secondo tempo

Le reti segnate e subite si concentrano a fine primo tempo e a metà della seconda frazione

Le reti marcate dal Verona sono solamente 26, cifra che pone i gialloblù all’ultima posizione della classifica per quanto riguarda i gol fatti, a pari dell’Udinese e poco dietro le rivali salvezza.

Andando ad analizzare la distribuzione delle marcature nel tempo di gioco, emerge un un dato singolare: le reti nel secondo tempo doppiano quelle messe a segno nella prima frazione, 18 contro 8. I primi 30 minuti di partita si rivelano piuttosto sterili per i gialloblù, con soli 3 gol segnati, mentre gli altri 5 arrivano nell’ultimo quarto d’ora del primo tempo.

La musica cambia nella seconda frazione e soprattutto tra il 60′ e il 75′, i quindici minuti in cui il Verona concentra la maggior parte delle reti, ben 9 – il 35% del totale. In apertura di tempo, invece, i gialloblù sono andati a segno 4 volte, statistica che viene superata di una unità per quanto riguarda le reti nel finale di gara (5).

Come è intuibile, i momenti della partita in cui l’Hellas produce più azioni offensive sono anche quelli in cui la squadra è maggiormente esposta agli attacchi avversari: sul totale di 51 reti subite, 29 sono arrivate tra l’ultimo quarto del primo tempo e la seconda metà della ripresa.

Rimanendo in tema di gol, i principali marcatori gialloblù rimangono Toni e Pazzini, appaiati a 5 reti, seguiti da Ionita e Pisano, a quota 4.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy