Cosenza-Verona: tragicommedia d’autore a firma “Belpaese”

Cosenza-Verona: tragicommedia d’autore a firma “Belpaese”

Giorni di ordinaria follia prima di annullare la gara. Si salva solo l’arbitro

di Andrea Spiazzi, @AndreaSpiazzi

Quando l’assessore allo Sport di Cosenza, dott. Vizza, martedì scorso ci disse al telefono: “Che problemi ci sono? Sabato per noi si gioca. I lavori procedono secondo modi e tempi previsti, la commissione provinciale ha dato parere positivo”.

Quando vedi poi il campo e pensi che le patate scapperebbero per non farcisi piantare.

Quando vedi carriole piene di terra e sabbia due ore prima della gara sospinte sotto la calura di Cosenza per cercare di rattoppare le falle nel terreno, e gli addetti che segnano col gesso nonostante tutto, per apparecchiare una bella tavola.

Quando sai che l’impresa di giocare sarà impossibile ma vendi i biglietti e muovi decine di persone da Verona per farle attendere fuori dallo stadio fino all’ultimo.

Quando capisci che certe cose in Italia accadranno sempre, e che anche per questo ci scanniamo e ci scanneremo ancora tra guelfi e ghibellini su tutto.

Ti cascano le braccia, quantomeno.

L’unica persona coraggiosa (ma un plauso va anche alla pazienza del Verona e dei suoi tifosi giunti al Marulla in 88) è stata l’arbitro, il sig. Fabio Piscopo di Imperia. No, non se l’è proprio sentita di mettere a repentaglio caviglie e ginocchia dei calciatori. E immaginiamo le pressioni che potrebbe aver subito perché si giocasse. Bravo lui. Il resto una vergogna.

E ora che in via Belgio si richieda lo 0-3 a tavolino, che da regolamento appare scontato. Almeno quello.

Il  terreno del Marulla oggi
Il terreno del Marulla oggi
2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Lupus - 3 mesi fa

    Caro Mac ho capito che vuoi difendere l’indifendibile, ma da Cosentino DOC e conoscendo i soggetti amministrativi della città il CAMPO non era assolutamente in condizioni di gioco… Se poi vogliamo “ammucciare” (nascondere) le magagne di Occhiuto così non va bene quest’uomo dovrebbe essere già da tempo in galera però nessuno fa niente ma siamo in Italia…
    Comunque spero solo che la società del Verona chiede solo un indennizzo e non la vittoria a tavolino le partite si vincono sul campo con la palla al piede non dentro stanzette e in questo momento ci vuole solo dignità e avvolte bisogna anche comprendere che una città non può pagare per la stupidità avarizia e incompetenza, se non sarà così a “simpaticoni” veronesi gli posso solo dire “ni vidimu a Verona”!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. mac - 3 mesi fa

    Il terreno del San Vito Marulla era in buone condizioni già da ieri mattina, diciamo che l’arbitro è stato influenzato da fattori esterni e non ha neanche provato a far rimbalzare la palla sul terreno di gioco. Il san Vito Marulla è migliore di tanti altri stadi (migliore di quello di Ascoli e di altri stadi della serie B) e ora devono spiegarci perché i controlli della lega hanno dato esito positivo nei giorni scorsi. Bastava che davano esito negativo e si giocava in campo neutro. Se poi vogliono far salire il verona in serie A in tutti i modi, basta lo dicano apertamente. C’è poi da sottolineare che qualcuno ha mandato oggi in giro immagini dello stadio che non erano attuali ma riferiti ad alcuni giorni fa. Questa è la vera vergogna.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy