Già avviati i processi, ma la gente del Verona è ottimista

Già avviati i processi, ma la gente del Verona è ottimista

Piovono critiche dopo tre gare, i veronesi vedono positivo

È bastata una sconfitta per scatenare i processi, con annessa messa in discussione di tutto e tutti nel Verona. Una sorta di poco intelligente analisi dopo solo tre gare del nuovo Hellas. Davvero risibile il tentativo di trarre conclusioni dopo 270 minuti con annesse minacce di mettersi sulla strada buona “prima che sia troppo tardi”, con l’indice pendulo come facevano le nonne (le più severe).

Abbiamo visto già qualcosa di questo Verona. Le potenzialità e i punti deboli. In modo chiaro, dato che non si ha paura di giocare, mettendosi dunque a nudo e a volte a rischio di svarioni. Come quello di Caracciolo sabato, che ha evidentemente condannato la squadra a una partita in salita per intero. Abbiamo capito che alcuni singoli non stanno ancora dando quello che ci si attende, specie in avanti, che l’assetto difensivo pare sbilanciato, e che Bianchetti è rimasto Bianchetti, Pisano Pisano e Souprayen Souprayen. E che, probabilmente, c’è un ordine generale da migliorare. Ciò che conforta è che Pecchia ne è ben consapevole.

Vedremo certamente una squadra arrabbiata sabato prossimo. I gialloblù vorranno prendersi i tre punti con l’Avellino per ripartire in questa B che pare nascondere tranelli dietro ogni angolo. Il sondaggio che abbiamo lanciato oggi ha segnalato sin da subito ottimismo tra i tifosi, nonostante la sconfitta di Benevento. Come è giusto che sia. E come è ragionevole che sia. È presto per le rampognate, che speriamo mai debbano venire nemmeno dopo un tempo giusto per poter giudicare. Per ora lasciamole alle vecchie nonne (le più antipatiche).

Caricamento sondaggio...

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy