Il derby della strizza, vince chi ha meno paura

Il derby della strizza, vince chi ha meno paura

Sabato Verona e Chievo cercano punti salvezza

di Redazione Hellas1903

Ci siamo. Pur nella mestizia che ci ha accompagnato in questi giorni per la scomparsa di Davide Astori, Verona-Chievo è alle porte. Un derby contrassegnato dalla precaria situazione di classifica di entrambe, con l’Hellas che, naturalmente, ha ben più da perdere avendo sei punti in meno in classifica.

Per ambedue la gara è fondamentale, giocandola prima di due impegni considerevoli: il Verona poi avrà in casa l’Atalanta e in trasferta l’Inter, il Chievo andrà a Milano col Milan e al Bentegodi ospiterà la Sampdoria.

E la salvezza non aspetta nessuno, bisogna prendersela.

Ecco perché viene da pensare che sabato la paura di perdere potrebbe farla da padrone. Sia chiaro, il Verona dovrà provare in tutti i modi a vincere, non ci sono alternative. Il pareggio servirebbe a poco ai gialloblù di Pecchia, mentre alla squadra di Maran potrebbe anche venire utile.

Fare calcoli, inoltre, non è e non può essere nel dna di questo Verona, che dopo la gran bella vittoria col Torino è chiamato a ripetersi, e poi a ripetersi ancora, in una sorta di rincorsa senza tregua verso l’obbiettivo. Pensare di buttare la palla verso il prossimo match, qualora la partita risultasse bloccata, sarebbe un errore gravissimo.

Il Verona deve far conto sulla sua forza, ripassandosi la vittoria coi granata. Solo in quel modo, con quel carattere e quella determinazione a vincere, possono arrivare punti.

I gialloblù avranno lo stadio per loro, la spinta dei tifosi non mancherà e sarà il valore aggiunto che potrà risultare decisivo.

Sarà il derby della strizza allora, la sfida tra due che, poco o tanto, hanno comunque da perdere. A vincere allora sarà chi saprà andare oltre la paura. Che, come disse quello, bussò alla porta, ma quando andai ad aprire vidi che non c’era nessuno.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy