Pausa, mercato e rivoluzione in attacco, il Verona prepara la rincorsa salvezza

Pausa, mercato e rivoluzione in attacco, il Verona prepara la rincorsa salvezza

Petkovic e Matos in arrivo, poi Boyé: l’Hellas al lavoro per rafforzarsi

Il Verona è uscito dal San Paolo sconfitto ma non stroncato. Il coraggio mostrato con la Juventus si è visto, nei limiti del possibile, anche contro i campioni di Sarri, meritatamente in testa alla classifica.

L’Hellas ce la può fare, perché nonostante i molti problemi, dopo un avvio faticosissimo, si è guadagnata i galloni di squadra da rispettare. A soli due punti ci sono Crotone e Spal.

Filippo Fusco prepara ora una rivoluzione in attacco, reparto assolutamente da rinforzare. Bruno Petkovic (foto Getty Images) e Ryder Matos sono da considerare già presi. Per Lucas Boyé bisognerà attendere un po’ di più. Con il cambio in panchina del Torino, Mazzarri vuole valutare al meglio la rosa prima di dare l’ok al trasferimento dell’argentino. Sarà un attacco rivoluzionato, quindi.

Riguardo alla difesa, poi, l’Hellas cercherà un sostituto di Caceres e si sta muovendo per ingaggiare un centrale di difesa. Eventuali altre operazioni potranno nascere nel gioco di incastri dei prestiti, unica via percorribile per il ds del Verona che deve fare mercato a costo zero. La pausa servirà a ricaricare le pile, e, da venerdì 12, dopo le ferie, per iniziare a lavorare coi nuovi ingressi che ci saranno.

Vi è, inoltre, una variabile che sarà decisiva per il raggiungimento dell’obbiettivo e cioè quanto i tifosi decideranno di sopportare una situazione oggettivamente pesante, quella attuale, e quanto di supportare la squadra. Con loro i ragazzi che, meritevoli o meno a seconda delle opinioni, vestono la maglia gialloblù, potranno avere due marce in più. Ognuno è libero, naturalmente. Si può contestare, si può sostenere. Si possono anche fare entrambe le cose assieme. Del resto la passione per il Verona è travolgente, ed è bello vedere che, comunque, in molti la fanno prevalere rispetto a tutto il resto.

Perché oggi, dice la classifica, siamo in serie B. Ma lì, a due passi, c’è di nuovo la luce. Forza Verona!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy