Verona non tradire, con la Juve fuori l’orgoglio!

Verona non tradire, con la Juve fuori l’orgoglio!

L’Hellas, chiamato a una missione impossibile, non può fare a meno dello spirito guerriero

di Andrea Spiazzi, @AndreaSpiazzi

A Udine è stato un passaggio totalmente a vuoto. Il Verona, tuttavia, ha già mostrato quest’anno di sapersi riscattare dopo alcune brutte figure. Sabato dovrà farlo contro la Juventus, partita ai limiti dell’impossibile data la distanza siderale tra il potenziale dell’una e dell’altra. Ma l’Hellas, che nel recente filotto di gare abbordabili (Cagliari, Bologna, Sassuolo, Genoa e Spal) ha raccolto solo quattro punti, pur offrendo buone prestazioni, si è condannato da solo a dover cercare punti anche nelle missioni impossibili.

Ne sono arrivati tre, insperati, col Milan. Benissimo. Certo, ora attendersene chissà quanti con Juventus e Napoli sarebbe da stolti. L’Hellas, che scenderà in campo in uno stadio gremito e denso di passione, ha però il dovere di provare a limitare i bianconeri, di saper soffrire e saper osare per far loro male.

Lo spirito di guerra che è clamorosamente mancato a Udine andrà riscoperto. Per rispetto dei tifosi, per non tradire i colori gialloblù, per dimostrare di avere la voglia di salvarsi. Questo vorremmo che i calciatori non scordassero mai: l’atteggiamento di chi ha sempre fame, anche e soprattutto dopo una vittoria, deve essere il marchio di una squadra così. Perché a considerarsi bravi poi si va incontro ai patatrac. È stato scoraggiante e irritante vederli a Udine svuotati, sottomessi, arrendevoli. Ce li si aspetta di tutt’altra pasta al Bentegodi.

Testa e cuore Verona, con la Juve fuori l’orgoglio!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy