Fontolan: “Chi vuole restare nel Verona dovrà meritarselo”

Fontolan: “Chi vuole restare nel Verona dovrà meritarselo”

L’ex gialloblù: “Col Carpi la mazzata finale. Ci sarà da lavorare per ripartire, vincere la B non è mai facile”

Dopo la sconfitta casalinga contro il Carpi, l’ex gialloblù Silvano Fontolan analizza la situazione e il futuro del Verona. Queste le sue dichiarazioni, ai microfoni di hellas1903.it.

La sconfitta contro il Carpi mette la parola “fine” al campionato del Verona o era già concluso da tempo?

Si sa, la speranza è sempre l’ultima a morire, però ieri è arrivata la mazzata finale. Era giusto non perdere le speranze ma a questo punto è meglio cominciare a pensare all’anno prossimo.

Toni, al termine della gara, ha parlato di squadra scarsa e che merita di andare in B: è d’accordo?

La classifica alla fine dice questo. Se una squadra è ultima vuol dire che evidentemente i valori sono quelli, è inutile attaccarsi ad altre cose. È stato intelligente, a volte certe cose bisogna dirle negli spogliatoi, ma se sono arrivati a questo punto ci sarà un motivo. Mi dispiace molto vedere retrocedere il Verona, bisogna che la società riparta e che lavori per risalire il prima possibile. Verona è una piazza importante e merita altro calcio.

Il Verona, più di tutto, paga la mancanza di carattere nei momenti decisivi?

Dal punto di vista caratteriale non saprei, certo è che quando mancano i risultati diventa difficile lavorare anche sul carattere. La squadra è più o meno quella dell’anno scorso, mancando i risultati è venuta meno anche un po’ di fiducia. Quando affronti le squadre forti ti preoccupi più che altro di non perdere e giochi di rimessa, mentre negli scontri diretti, dovendo impostare la partita per vincere, qualcosa devi concedere. Evidentemente qualcosa non è andato. Lo scorso campionato, poi, i gol di Toni hanno fatto la differenza, quest’anno sono mancate le sue reti.

Il Verona ha l’obbligo di tentare subito la risalita?

Sicuramente. La piazza e i tifosi vogliono questo, tutti siamo innamorati del Verona e la Serie A è la sua categoria. Ci sarà da lavorare per ripartire e cercare di risalire: non è mai facile vincere un campionato di Serie B.

Come affrontare le restanti otto gare di campionato? Può essere la chance per dare più spazio a qualche giovane di prospettiva?

Se io fossi l’allenatore andrei nello spogliatoio dicendo che da qui in avanti tutti dovranno cercare di guadagnarsi il posto per l’anno prossimo. Bisogna tirare fuori qualcosa in più e dimostrare di essere giocatori che possono restare a Verona. A questo punto diventa difficile, ma non bisogna mollare: i giocatori dovranno dimostrare di guadagnarsi la conferma per il prossimo campionato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy