Fontolan: “Pecchia, personalità da Verona”

Fontolan: “Pecchia, personalità da Verona”

L’ex gialloblù: “Rosa okay, al massimo serve un ritocco dietro. Ganz? Verona è un’esperienza importante per lui”

Silvano Fontolan, ex stopper del Verona tra il 1983 e il 1988 e uno dei protagonisti dello scudetto gialloblù, fa un bilancio del campionato dell’Hellas dopo il girone d’andata. Queste le sue parole, rilasciate a ww.hellas1903.it.

Il Verona, dopo il 3-0 interno sul Cesena, è campione d’inverno con 41 punti raccolti. Qual è il giudizio sui gialloblù dopo il girone di andata?

Sono stati davanti a tutti praticamente dall’inizio, e lo sono tutt’ora. C’è stato un calo fisiologico qualche settimana fa, ma sono sempre primi: devono solo confermare quello che hanno fatto fino a questo momento. Non credo avranno grossi problemi: a mio giudizio la squadra è forte ed è assolutamente tra le favorite alla promozione.

Come giudica il lavoro svolto fin qui da Fabio Pecchia?

Sta facendo molto bene. Arrivato tra qualche perplessità all’inizio, sta facendo un ottimo lavoro: sa quello che deve fare e ha dimostrato anche personalità, perché non è facile arrivare in una piazza importante come Verona.

Cose positive e negative dell’Hellas visto finora?

È una squadra che fa molti gol, potendo contare anche sul capocannoniere del campionato, Pazzini. A volte ne subisce qualcuno di troppo, venendo a mancare un po’ di solidità difensiva. Ma l’importante è farne più di quelli che subisci: questo il Verona lo sta facendo alla grande. Quando una squadra segna molto ha già un grosso vantaggio.

A proposito di Pazzini: si aspettava, dall’attaccante dell’Hellas, un impatto così importante sulla categoria?

Pazzini è un giocatore che i gol li ha sempre fatti. È una “malattia” di certi attaccanti: chi segna lo fa sempre, indipendentemente dalla categoria. È un ragazzo serio, che sa quello che vuole e che, secondo me, dovrebbe vincere la classifica cannonieri. E certamente, se hai il capocannoniere in squadra, hai molte più chance di vincere il campionato.

Ganz, proprio per questo, finora sta trovando poco spazio, ragion per cui molti club hanno messo gli occhi su di lui in questo avvio di mercato invernale…

Ganz lo conosco molto bene: negli ultimi due anni ha giocato qui a Como, segnando tanto sia in Lega Pro che in Serie B la scorsa stagione. Avendo Pazzini davanti sta trovando poco spazio: ora non so se il giocatore sia contento o se voglia andare via, ma per lui Verona può essere un’esperienza importante in una piazza importante. È un ottimo ragazzo e un ottimo giocatore, poi bisogna vedere fino a che punto arrivi la volontà del ragazzo e dove quella dei procuratori, che spingono perché trovi più spazio.

L’Hellas, invece, dove ha bisogno di maggiori rinforzi?

Penso che il Verona non abbia troppo bisogno di intervenire sul mercato. I ricambi ci sono, forse serve qualcosa dietro, perché ci sono poche alternative a quelli che giocano. Secondo me, però, l’organico è già ottimo così.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy