Aarons: “Le mie prime gare non bene, ma posso aiutare il Verona. Tifosi passionali”

Aarons: “Le mie prime gare non bene, ma posso aiutare il Verona. Tifosi passionali”

L’attaccante gialloblù: “Pecchia mi ha cercato già lo scorso agosto, sono orgoglioso di essere qui”

Rolando Aarons, attaccante arrivato negli ultimi giorni di mercato dal Newcastle, ha parlato durante la sua presentazione come nuovo giocatore del Verona.

“Ho avuto alcune opzioni a gennaio ma ho scelto Verona per la possibilità di crescita personale, in un campionato di cui sono appassionato e che seguivo”.

Su Pecchia: “Sono felice di allenarmi ancora col mister. Abbiamo avuto un contatto in agosto durante l’amichevole e abbiamo parlato di questa possibilità. L’interessamento del Verona, già diversi mesi prima della proposta ufficiale, ha avuto peso nella decisione”.

Sul fatto di essere stato tra i talenti più promettenti nel 2014: “Gli infortuni non mi hanno aiutato e hanno rallentato il mio progresso. Ora sono pronto per questa esperienza e spero di poter crescere”.

Sul ruolo: “L’allenatore sa meglio di tutti il mio ruolo, posso giocare in varie posizioni ma alla fine sta al mister decidere. Non si tratta di Aarons, ma della squadra. Sono un giocatore istintivo, posso aggiungere qualità nella fase offensiva, con dribbling e corsa”.

Sulle prime prestazioni: “Sono molto critico, non sono molto contento delle mie prestazioni. Mi serve ancora tempo per adattarmi al nuovo campionato”.

Sul gioco del Verona: “Nell’amichevole a Newcastle il gioco era più tecnico, di possesso, ora la tattica è cambiata anche in funzione della posizione in classifica”.

Sul pubblico del Bentegodi: “I tifosi sono molto simili ai tifosi di Newcastle, sono molto caldi e passionali. Sono orgoglioso di essere un giocatore dell’Hellas”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy