Bessa: “Il tifo del Bentegodi? Pazzesco, da pelle d’oca”

Bessa: “Il tifo del Bentegodi? Pazzesco, da pelle d’oca”

Continua il centrocampista: “Sono una mezzala sinistra, qui per presente e futuro.”

Daniel Bessa ha parlato per la prima volta da giocatore del Verona durante la conferenza stampa di presentazione, svolta nella sede di via Belgio.

Ruolo? “Mi trovo a mio agio come mezzala sinistra, ma mi adatto a tutti i ruoli del centrocampo. Col tempo sono arretrato perchè poche squadre giocano col trequartista.”

Le tue caratteristiche? “Mi piace giocare il pallone. Credo di essere un giocatore tecnico, che vede gioco, ho anche un buon tiro.”

Predestinato all’Inter, poi Bologna e Como… “Sì, con Stramaccioni abbiamo vinto la NextGen, poi ho avuto un brutto infortunio e ho fatto fatica a riprendere, mi ha penalizzato molto. A Bologna abbiamo vinto i playoff ma è stato l’anno scorso a Como che ho trovato la mia dimensione, nonostante la stagione si sia chiusa con la retrocessione.”

…Ora il Verona: “Devo ringraziare la società che mi ha voluto con i fatti, non è un prestito secco. Spero di giocare bene e a lungo qui a Verona e di ripagare sul campo. Non penso all’Inter, voglio costruire qui il mio presente e il futuro.”

Su Ganz: “Io e Simone abbiamo giocato bene la scorsa stagione. Gli auguro che faccia tutti i gol dell’anno scorso, il mio proposito è quello di fare assist a tutti, non solo a lui.”

Idoli? “Ronaldinho al Barcellona è stato qualcosa di speciale, anche Pirlo per il calcio italiano. Ma il più forte di tutti resta Ronaldo, il Fenomeno.”

Sarà il Verona di Bessa? “Sarà il Verona di tutti e di mister Pecchia. Se non la pensiamo così non andremo da nessuna parte. La squadra è forte e siamo pronti, i risultati ci devono dare la forza per arrivare in fondo al campionato.”

Sul tifo del Bentegodi: “Ero allo stadio contro il Crotone. Ti viene la pelle d’oca. Pazzesco.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy