COPPOLA: “ANDIAMO A RIPRENDERCI QUELLO CHE LA SORTE CI HA TOLTO”

COPPOLA: “ANDIAMO A RIPRENDERCI QUELLO CHE LA SORTE CI HA TOLTO”

Le dichiarazione di Coppola a Radio Bellla & Monella

A radio Bellla & Monella oggi ha parlato Fernando Coppola, uno dei leader silenziosi di questo Verona.

“Diciamo che la sosta è stata più lunga del previsto, quando c’è una situazione come la nostra, l’aria che si respira è ovviamente più pesante”, ha esordito il portiere gialloblù, “ma qui a Verona c’è la voglia di uscire dal momento di difficoltà, e la sosta ci ha aiutati a ricaricare le pile, sia dal punto di vista fisico che mentale. Per uscire da questa situazione serve la dedizione massima, che a questa squadra non è mai mancata, ma ora bisogna fare più del dovuto”.

E ora c’è anche Toni…”il carisma di Luca è impressionante. Oltre a trascinare la squadra, la sua presenza nel campo di allenamento ci dà delle certezze, delle sicurezze che ci sono mancate nell’ultimo periodo”, ha commentato Coppola, “anche se lui ha sempre fatto sentire la sua presenza. Ora che possiamo contare su di lui anche in campo, siamo ancora più felici”.

Coppola ai microfoni di radio Bellla & Monella ha parlato anche delle dichiarazioni di Setti: “Con il presidente ci siamo confrontati anche altre volte. Ed ha sempre manifestato la sua positività, io condivido pienamente: in allenamento vedo ogni giorno le qualità dei miei compagni, qualità che ci aiuteranno sicuramente ad uscire dalle difficoltà”.

Ma Coppola conosce bene anche il Napoli, prossimo avversario del Verona: “Indubbiamente si vede la mano di Sarri, è riuscito a dare un’impronta importante, ma è anche vero che ha a disposizione una rosa di grandi campioni, cosa che agevola sicuramente il compito dell’allenatore”. Il segreto per battere questo Napoli? “Non poteva capitarci partita migliori, che dà tanti stimoli. E l’arma in più del Verona è il cuore, ho affrontato tante volte il Verona da avversario oggi lo sto vivendo e può essere quello che ci fa superare i nostri limiti. Per battere il Napoli l’approccio dovrà essere di spessore, poi serve anche una situazione che potrebbe accendere la fiamma in qualsiasi momento. E dobbiamo andarci a riprendere quello che la sorte ci ha tolto”.

Anna Fabrello

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy