Hellas, la protesta dei tifosi: “Società, tecnico e squadra colpevoli. Verona siamo noi”

Hellas, la protesta dei tifosi: “Società, tecnico e squadra colpevoli. Verona siamo noi”

Il comunicato del Coordinamento Calcio Club: “Errori non corretti, sbagli non ammessi: ecco i perché di un fallimento”

di Redazione Hellas1903
La tifoseria organizzata del Verona interviene sul momento di crisi dell’Hellas.
Lo fa il Coordinamento Calcio Club dell’Hellas, tramite un comunicato che riportiamo integralmente.
Essere “coerenti” significa avere una costanza logica nelle azioni e nel pensiero. Consapevolezza e padronanza delle proprie idee e limiti sono fondamentali per non rischiare di trasformare questa “coerenza” in ottusità.
Si sogna di notte, ma poi si deve vivere la realtà. Pianificare come raggiungere il proprio obiettivo è la base per realizzarlo. Lungo il percorso possono capitare degli imprevisti causati, talvolta, da un’errata programmazione o da scelte inopportune. Davanti a situazioni di questo genere è indispensabile avere l’intelligenza e l’umiltà di ammettere i propri sbagli e ripartire con la volontà di correggere gli errori commessi.
Se manca questo tipo di atteggiamento, l’obiettivo per cui si sta lavorando ne risente in termini di chiarezza e importanza. Per forza di cose davanti ad obiettivi e situazioni poco chiare viene meno la fiducia di chi ti ha sempre sostenuto.
Oggi siamo arrivati a questo punto!
Avete perso di vista il vostro obiettivo, avete tradito la fiducia di una tifoseria, avete ingannato chi credeva di avere lo stesso “sogno”. Con arroganza, presunzione e senza un briciolo di dignità, avete infangato la maglia del Verona e calpestato la nostra passione. Siete tutti responsabili di questo fallimento: società, allenatori e giocatori, nessuno escluso!
Cercherete di sfiancarci e di allontanarci sempre più, ma non dimenticate mai che il VERONA SIAMO NOI e la vostra incompetenza e insolenza non potranno mai rovinare la nostra storia“.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy