IL VERONA CI PROVA MA PERDE A SAN SIRO. PAZZINI K.O.

IL VERONA CI PROVA MA PERDE A SAN SIRO. PAZZINI K.O.

1-0. Gol al 56′ di Melo che nel primo tempo entra duro sul Pazzo che esce con la caviglia malconcia.
Anche Sala costretto a farsi sostituire

A Milano si fa male Pazzini. Un’entrataccia killer di Felipe Melo dopo 20 minuti mette fuori uso la caviglia del Pazzo. Nella ripresa esce anche Sala, che sente un fastidio muscolare. Piove sul bagnato in casa gialloblù. La jella è notevole. Ma, a questo punto, non si può non domandarsi (Pazzini a parte) quanto peso abbia la preparazione atletica su questo bagno di sangue.

La gara: il Verona prende una traversa, l’Inter segna. Il resto è tanta noia, con una piccola Inter e un cuore gialloblù che prova ad andare oltre l’ostacolo fino alla fine.

Nella gara della massima emergenza per infortuni (Toni, Marquez, Hallfredsson, Ionita, Romulo e Fares oltre a Jankovic squalificato) mancano anche Souprayen e Siligardi, lasciati a riposo da Mandorlini.

Dentro un 5-3-2 con il ritorno di Rafael tra i pali, una linea difensiva composta da Pisano, Bianchetti, Moras e i debuttanti in campionato Helander e Albertazzi. In mediana ci sono Sala, Viviani e Greco, in avanti Gomez e Pazzini.

Mancini non si fida e fa gran poco tournover con Handanovic, Santon, Medel, Miranda e Telles, in mezzo Guarin, Melo, Kondogbia, in avanti Perisic e Ljajic a sostegno di Icardi.

Parte compatto il Verona, l’iniziativa è nerazzurra. Greco è bravo a scappare via al 3′, Guarin lo atterra e prende il giallo. Stessa sorte per Albertazzi che ferma rudemente Melo al 9′. Sala sfreccia a destra all’11’ lasciando sul posto Telles, l’azione poi sfuma. l’Hellas ci crede e approfitta degli spazi concessi a destra dai nerazzurri, mostrando carattere.

Un intervento durissimo di Felipe Melo, non sanzionato da Russo, azzoppa Pazzini al 16′. Momenti di paura per lui, che vuol restare in campo, ci prova, poi deve abbandonare, la caviglia si è girata. Disastro, dopo Toni anche il Pazzo. Entra Siligardi al 21′. Rafael blocca un tiro ravvicinato ma debole di Perisic al 22′, nulla di che. L’Inter non impressiona certo per il gioco e i gialloblù sono ben messi in chiusura.

Siligardi prova un tiro che finisce alto al 29′, i ritmi sono bassissimi, i gialloblù sono tutti dietro la metà campo, ma bloccano i nerazzurri che non riescono a cambiare passo e finiscono contro il muro. Pisano va sul fondo al 34′ ma sbaglia un facile cross per Gomez, poi Sala dorme su Kondogbia che sforbicia alto da pochi passi. Ammonito anche Kondogbia al 37′, pericolosissimo il suo intervento su Gomez. Il Verona inizia a sperare di portare a casa qualcosa di buono e ne ha motivo. Moras comanda la difesa, Helander spazza il giusto. Buono il suo debutto. L’Inter cerca di premere alla fine del tempo, ma si va alla pausa sullo 0-0.

Partono bene, i gialloblù, nella ripresa. L’Inter non trova spazi ed è lenta, ma tiene palla. Minuto 10. Siligardi recupera dietro e lancia un contropiede, Greco libera Sala che dal limite calcia forte: traversa piena, occasione clamorosa, sfortuna marcia. Ed ecco che il calcio, poi è impietoso, perchè sul corner successivo dell’Inter, minuto 11, salta Melo, che sulla coscienza ha la caviglia di Pazzini, ma che di testa la infila sotto la traversa. 1-0. Entra Jovetic per Ljajic. Il Verona cerca di ritrovarsi, non è facile. I nerazzuri, pescato il jolly, si gasano. Sala prende un’ammonizione per un fallo su Kondogbia, che poi esce per far posto a Biabiany al 17′. Al 18′ Jovetic serve al volo Perisic, la botta è sventata da Rafael alla grande in corner. Giallo anche per Greco al 20′.

La palla è sempre dell’Inter, l’Hellas è sempre dietro, la reazione è debole. Souprayen per Albertazzi è il secondo cambio di Mandorlini al 26′. Bisogna provare a far qualcosa. Non c’è davvero più nulla da perdere. Anzi sì. Jacopo Sala sente dolore alla coscia e chiede il cambio. Entra il classe ’95 Zaccagni. Al 31′ Greco si infila in area a sinistra e serve Siligardi all’indietro: il tiro è ciabattato, l’occasione era buona. I gialloblù ci provano, Siligardi spara, Handanovic respinge al 35′. L’Inter difende, non senza qualche affanno. C’è il giallo per Helander che entra fuori tempo su Icardi a metà campo al 37′. Zaccagni spara alle stelle, ma è coraggioso, l’Hellas non molla e mette pressione. Fa con quello che ha, e come può. Schemi e uomini sono saltati. Zaccagni prende un bel fallo sulla trequarti. Viviani la taglia dentro, la palla sibila sul fondo tra Handanovic e i nostri al 44′. Siligardi salva un gol poi parte Greco e Melo lo abbatte (giallo). Jovetic si mangia il 2-0 in contropiede al 47′.

Finisce così. L’Inter vince 1-0. Il Verona perde. Ma la cosa peggiore non è questa. Vedere Pazzini e Sala uscire per infortuni, quella sì, è la cosa peggiore, come non fossero bastate le brutte immagini di Toni e Marquez a Bergamo. E ora, prima della Lazio, radioline puntate sull’infermeria.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy