L’AVVERSARIA, FOCUS SUL BOLOGNA

L’AVVERSARIA, FOCUS SUL BOLOGNA

Donadoni pensa a Brienza come regista

Subito una vittoria contro l’Atalanta, per Roberto Donadoni, subentrato a Delio Rossi sulla panchina del Bologna. Oltre al successo contro i bergamaschi, il Bologna ha centrato i tre punti contro Frosinone (1-0) e Carpi (2-1), perdendo invece contro Lazio, Sassuolo, Sampdoria, Fiorentina, Udinese, Juventus, Palermo e Inter. Donadoni, contro l’Atalanta, ha schierato la squadra con il 4-3-3. Questa la rosa a disposizione del tecnico (foto Getty Images per Gazzanet).

DIFESA. In porta il titolare è Mirante, tornato a disposizione già domenica scorsa dopo un infortunio alla mano. Al centro della difesa la coppia titolare è formata da Gastaldello e Rossettini. Con Oikonomou infortunato, per il match di sabato Maietta ha grandi chance di partire dal primo minuto: l’ex capitano gialloblù è entrato nel secondo tempo del match con l’Atalanta al posto di Ferrari (con Rossettini spostato a terzino destro) e ha disputato un’ottima gara. Nel ruolo di terzino sinistro gioca Masina (sempre titolare finora) mentre a destra, appunto, Ferrari (Mbaye e Krafth le alternative).

CENTROCAMPO. Il Bologna, in mezzo al campo, può contare su tanti giocatori giovani. Davanti alla difesa agisce Diawara (’97), con l’ex Donsah (’96) alla sua destra e Taider (’92) a sinistra. Tra le alternative anche Pulgar (’94), Crisetig (’93) e Rizzo (’92). Utilizzati raramente Brighi e Crimi. Zuculini, invece, è attualmente indisponibile per infortunio. La mossa a sorpresa potrebbe essere quella di Brienza come regista davanti alla difesa: una soluzione che Donadoni sta provando in allenamento questa settimana.

ATTACCO. Il colpo del mercato estivo è stato Mattia Destro, che tuttavia si è sbloccato solo nell’ultima gara contro l’Atalanta. Nel ruolo di punta centrale Donadoni può contare anche su Mancosu e Acquafresca. Sugli esterni l’ex tecnico del Parma ha lanciato dal primo minuto Giaccherini e Mounier, con Brienza entrato nella ripresa e schierato come mezz’ala (e autore, tra l’altro, anche di un gran gol). Altra alternativa per la corsia offensiva di destra è Filippo Falco.

L’ULTIMA VOLTA. Verona e Bologna si sono incontrate per l’ultima volta, al Bentegodi, il 2 marzo 2014. Uno 0-0 centrato con l’Hellas privo dello squalificato Luca Toni (al suo posto giocò Rabusic) e ottenuto soprattutto grazie a Rafael, che neutralizzò un calcio di rigore a Rolando Bianchi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy