L’AVVERSARIA, FOCUS SUL FROSINONE

L’AVVERSARIA, FOCUS SUL FROSINONE

Gli uomini di Stellone hanno raccolto 10 punti nelle ultime quattro gare casalinghe

di Alessandro Lerin, @alessandrolerin

Prossimo avversario del Verona, domenica alle 15, il Frosinone occupa attualmente il terzultimo posto in classifica con 11 punti, 5 in più dell’Hellas. Gli uomini di Stellone pagano soprattutto l’avvio di stagione, con quattro sconfitte nelle prime quattro giornate. Dopo il pareggio allo Juventus Stadium, infatti, i ciociari hanno saputo sfruttare al meglio il fattore campo, avendo raccolto tre vittorie (contro Empoli, Sampdoria e Carpi) e un pareggio (2-2 con il Genoa) nelle ultime quattro gare interne. Questo il 4-4-2 di Stellone che affronterà i gialloblù.

DIFESA. In porta c’è Nicola Leali, estremo difensore giovane (classe ’93) ma già con una buona esperienza da titolare alle spalle. Crivello è il terzino sinistro titolare (Pavlovic il sostituto), mentre a destra si alternano Rosi e Matteo Ciofani. Al centro della difesa Diakité e Blanchard formano la coppia titolare (Russo e Bertoncini le alternative), ma da questa settimana a disposizione c’è anche Ajeti, difensore centrale ex Basilea arrivato a parametro zero.

CENTROCAMPO. Sono quattro i giocatori che Stellone alterna in mezzo al campo e che vantano praticamente lo stesso numero di presenze: Sammarco, Gori, Chibsah e Gucher. Qualche certezza in più per quanto riguarda gli esterni: a sinistra gioca Danilo Soddimo, a destra Luca Paganini. Tonev è la prima scelta per quanto riguarda i sostituti, davanti a Frara e Verde (classe ’96 in prestito dalla Roma).

ATTACCO. Il tandem d’attacco è costituito da Daniel Ciofani e Federico Dionisi (capocannoniere del Frosinone con 3 reti). Samuele Longo, ex Hellas, entra spesso a gara in corso ma non ha ancora trovato la via del gol. Completano il reparto Massimiliano Carlini e Nicolas Castillo.

L’ULTIMA VOLTA. Verona e Frosinone si sono affrontate solamente due volte in totale (nel 2006/2007 in Serie B). Nell’unica gara disputata al “Matusa” furono i padroni di casa a centrare il successo nelle battute finali: dopo il vantaggio di Margiotta e il pareggio dell’Hellas su autorete di Pagani, Fialdini siglò il 2-1 nei minuti di recupero.

(foto Getty Images per Gazzanet)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy