LE PAGELLE, WSZOLEK UN MARTELLO, PAZZINI MATCH-WINNER

LE PAGELLE, WSZOLEK UN MARTELLO, PAZZINI MATCH-WINNER

Moras, errore pesante. Toni incerto. Helander convince, Siligardi emozione da gol

GOLLINI 6,5

Coinvolto nell’indecisione che porta al gol di Conti, ma la responsabilità è di Moras. Decisivo con il doppio intervento su Diamanti e De Roon che evita all’Hellas di andare sotto in un momento cruciale della partita.

PISANO 6

Fa temperamento di secondo nome, ingaggia una sfida tesa con Dramé, che poi viene espulso. Prova a correre e non soltanto a difendere.

MORAS 5

Erroraccio sul vantaggio dell’Atalanta. Troppa fretta, o un calo di concentrazione, resta il fatto che lo sbaglio è grave e macchia una prova ordinata.

HELANDER 6,5

Mai impaurito di fronte a Borriello, che argina con il fisico e con la testa. Pinilla non gli nemmeno il solletico. Conferma di essere in crescita.

ALBERTAZZI 6

Seconda partita da titolare dopo una vita e non sfigura. Non che il suo rendimento sia da mettere in copertina, ma è diligente e va bene così.

WSZOLEK 7,5

L’uomo che spacca la gara. Certo, quando deve andare al tiro ci pensa sempre un secondo in più, ma sulla fascia destra è un martello. Assist per il gol di Siligardi, bis su quello risolutivo di Pazzini. La sua è una prestazione gagliarda dall’inizio alla fine.

MARRONE 5

Lontano dalla forma migliore. Con il Carpi ha preso polvere e bisogna pazientare per rivederlo in condizioni di brillantezza. Mai nel vivo della manovra.

IONITA 6

Corre fino all’esaurimento delle pile. Non lo fa sempre con logica, in lui spiccano coraggio e tenacia più che la buona tecnica. Comunque irrinunciabile.

SILIGARDI 6

Un tempo opaco, ma si innesca sull’azione che trasforma nel gol del provvidenziale pareggio. Esce per un guaio muscolare.

PAZZINI 7

Quando ti domandi dove sia finito per tutta la partita lui se ne esce con tre magie. La prima è quella del gol che consegna al Verona la vittoria. Subito dopo Sportiello gli nega la doppietta, infine manda in porta Toni che pasticcia. Il Pazzo è tornato, e così, all’Hellas, non ce lo si ricordava.

TONI 5,5

Affaticato, quando riesce a scoccare un dardo ci pensa Sportiello a bloccarlo. Ha la palla per chiudere la partita e la manca con un’incertezza che non è da lui.

 

 

EMANUELSON 5,5

Non dà ritmo sulla fascia sinistra. Passo lento.

GILBERTO 6,5

Conquista immediatamente il Bentegodi con finte e accelerazioni tutte brasiliane.

GOMEZ ng

 

DELNERI 6,5

Si può godere la prima vittoria, ottenuta in ritardo rispetto a quanto avrebbe meritato il Verona nella sua gestione. Sta plasmando un Hellas non soltanto dignitoso, ma più che credibile sul piano tattico e delle idee di gioco.

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy