Luppi: “Serie A? Dobbiamo prima battere noi stessi”

Luppi: “Serie A? Dobbiamo prima battere noi stessi”

L’attaccante: “Noi dobbiamo tirare, gli altri ci devono inseguire”

Davide Luppi, attaccante del Verona, ha parlato oggi in conferenza stampa dalla sede di via Belgio. Ecco le sue dichiarazioni.

Sulla sua stagione: “Sono contento, ho trovato continuità. Mi manca qualche gol ma riuscire a far segnare i compagni va bene lo stesso. Cerco di assecondare le richieste del mister per quanto riguarda il sacrificio.”

Calo fisico? “Non sono d’accordo. Durante la partita con l’Avellino c’è stato calo, ma poi sono sempre stato bene. I mister ha fatto le scelte ma io sarei stato pronto a giocarle tutte.”

Verona da Serie A? “Sì. Siamo primi in classifica e siamo una squadra vera. Sembra di rivedere il Sassuolo con cui ho vinto il campionato. Però c’è un detto samurai che bisogna ricordare: non è forte l’uomo che batte mille uomini, ma è forte chi batte se stesso. Tutti giocheranno al 110% contro di noi, il Verona non può permettersi di fare di meno.”

Sul Cittadella: “Chi c’è dietro non deve essere un problema. Noi dobbiamo tirare, gli altri devono inseguire. Abbiamo impostato il navigatore e stiamo seguendo la strada.”

Verona più forte del Sassuolo? “Io là ero solo uno spettatore. Questo Verona sorprende per la semplicità che riesce a esprimere in campo.”

Doppia cifra? “Ci tengo, poi se arrivasse anche per gli assist sarei molto felice.”

Sugli undici giocatori in gol: “La forza della squadra è poter mettere in campo sempre una squada di livello. Altre squadre quando manca un giocatore importante vanno in crisi. Qui da noi siamo sempre sereni e sicuri.”

Sui tifosi gialloblù: “A Verona si sta bene, sono innamorato della città. Molta gente metterebbe la firma per giocare in questa realtà. I tifosi, poi, non sono mai mancati e credo che per la trasferta a Cittadella 1500 biglietti siano pochi.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy