M. Ganz: “La 9 di Toni è una sfida, porterà bene a Simone”

M. Ganz: “La 9 di Toni è una sfida, porterà bene a Simone”

L’attaccante gialloblù: “Devo dimostrare di essere all’altezza del cognome che porto.”

Simone Andrea Ganz e – in collegamento telefonico – il padre Maurizio sono stati gli ospiti della decima puntata di HV24 – Speciale Racines, andata in onda sul canale YouTube dell’Hellas.

Maurizio sul figlio Simone: “Non deve mollare mai, continuare a migliorare e cercare di lavorare per la squadra. È un giocatore umile ma in campo è agonisticamente cattivo, sa dove vuole arrivare. Ha la dote del gol, spero che possa fare una grande stagione in una società importante.”

Simone sul padre: “È sempre stato critico, fin da piccolo. Forse è per questo che sono migliorato velocemente. A casa abbiamo tutti i suoi gol, li avrò visti mille volte e ho cercato di rubargli ogni piccolo segreto.”

Maurizio sulla B: “Gli anni che ho fatto in Serie B sono stati più difficili di quelli in A. Il campionato lungo e imprevedibile, cambia mese dopo mese. Bisogna stare sul pezzo dalla prima all’ultima giornata. Il Verona avrà tutte le squadre che la vorranno battere a tutti i costi perchè la società è importante. Devono prepararsi bene per l’obiettivo finale che deve essere la promozione.”

Maurizio, Verona favorito? “Credo che sia la squadra migliore, ma la verità la sapremo solo in campo. Ci sarà pressione e a quel punto vedremo la personalità dei giocatori, perchè il Verona è la squadra da battere.”

Maurizio sulla 9 di Simone: “Io non un bel feeling con la 9 perchè ad un certo punto mi ero infortunato. Il mio numero fortunato è stato il 23 dei due anni all’Inter. Ma quando Simone mi ha detto che c’era la 9 disponibile gli ho detto di prenderla subito, ha portato bene a Toni e porterà bene anche a lui. È una bella sfida perchè Toni è stato un grande campione.”

Simone sul ritiro: “Mi trovo bene coi compagni, è un gruppo affiatato. Pecchia ci sta trasmettendo la mentalità vincente attraverso l’alta intensita negli allenamenti. Sono contento di aver cominciato bene, con i gol in amichevole.”

La tua personalità in campo? “Combatto con un cognome importante. Devo dimostrare di essere all’altezza del cognome che porto. Inoltre, dopo la scorsa stagione, è importante riconfermarsi e questa società è davvero la più importante della serie B.”

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy