Munari: “Carico come una molla per il Crotone”

Munari: “Carico come una molla per il Crotone”

Il centrocampista gialloblù: “Febbraio e marzo sono i mesi più importanti, c’è tutto per fare bene”

di Redazione Hellas1903

Gianni Munari è arrivato in prestito dal Parma durante l’ultimo giorno di mercato. Il centrocampista, che ha già vestito la maglia gialloblù nella stagione 2005/06, si è presentato con i colori del Verona.

Ricordi di Verona? “Adailton lo sento spesso… sono passati tanti anni ma i ricordi sono ancora stupendi”.

Pronto per Crotone? “Ho giocato anche col Parma, sono disponibile. Vengo da un infortunio abbastanza grave, ma dopo la sosta di gennaio mi sono allenato tutti i giorni, i test dicono che sono pronto e io mi sento carico come una molla”.

Cosa serve per la promozione? “Sono qui da poco tempo e credo che la squadra sia stata costruita nel migliore dei modi. A livello tecnico la squadra c’è, anche il mister. Febbraio e marzo sono mesi fondamentali per fare qualcosa di importante, dobbiamo rimanere uniti”.

Continua Munari: “Tutte le squadre sono ben preparate, forse c’è meno qualità del passato e quindi più difesa. È complicato giocare sempre il pallone, ma se una squadra viene costruita per stare tra le prime deve fare qualcosa in più e noi abbiamo giocatori tecnici che sanno creare superiorità numerica. Dobbiamo puntare sulle individualità, sulle qualità migliori”.

Eri un trascinatore nel 2006, col tempo il ruolo è cambiato? “Tra un po’ vado un porta (ride, ndr). Ero una mezzala di corsa e inserimento, ora con l’età sono un giocatore diverso, anche dal punto di vista mentale”.

Concorrenza? “Ci sono tanti giovani ma cercherò di fare sentire la mia voce a centrocampo anche se sono più anziano, li stimolerò a dare qualcosa in più”.

Sul pubblico di Verona: “È sempre stato uno dei più passionali d’Italia, se vogliamo fare qualcosa di importante è fondamentale essere uniti anche con i tifosi. Il campionato è lungo, l’anno scorso a Parma in questo periodo eravamo quasi fuori dai playoff e poi siamo arrivati secondi”.

J.M.B.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy