Nel segno della continuità: il Frosinone di Marino

Nel segno della continuità: il Frosinone di Marino

Pochi cambiamenti nella rosa dei ciociari, che si affideranno anche quest’anno ai gol di Ciofani e Dionisi

Terza partita in otto giorni per il Verona, che domenica, alle 17.30, ospiterà il Frosinone al Bentegodi. I ciociari, retrocessi dalla massima serie come i gialloblù, hanno raccolto finora 8 punti, frutto di due successi (contro Entella e Latina), una sconfitta (2-1 con il Brescia) e due pareggi a reti bianche (contro Carpi e Pisa). In questa prima parte di stagione Marino, che ha preso il posto di Stellone (quest’anno al Bari) alla guida della squadra, è sempre rimasto fedele al 4-3-3. Questa, ruolo per ruolo, la rosa del Frosinone.

Difesa. I ciociari hanno dato continuità agli elementi presenti in rosa lo scorso anno, senza stravolgere particolarmente la squadra. In porta c’è ancora Bardi, al Frosinone da gennaio della scorsa stagione ma, di fatto, titolare da quest’anno (prima era il secondo di Leali). Al centro della difesa, con Russo ancora in dubbio per problemi fisici, la coppia titolare sarà composta probabilmente da Pryima e Ariaudo. Terzino destro gioca Matteo Ciofani, a sinistra invece si giocano il posto Crivello e Mazzotta.

Centrocampo. Davanti alla difesa possibile l’impiego dal primo minuto di Gori, in vantaggio su Gucher, con Kragl alla sua destra come mezz’ala. Come interno sinistro di centrocampo, invece, attualmente è Frara il favorito su Sammarco, ma Pasquale Marino può eventualmente contare anche su Soddimo (giocatore dalle qualità nettamente più offensive, utilizzato spesso a gara in corso).

Attacco. L’attaccante di riferimento è ovviamente Daniel Ciofani, con l’ex Hellas Andrea Cocco come alternativa. Anche sugli esterni non ci sono molti dubbi di formazione: a sinistra Federico Dionisi, già autore di due gol in campionato, è un altro degli “intoccabili” di qualità a disposizione di Marino. Unico ballottaggio riguarda, invece, la corsia di destra: con Paganini che finora ha sempre giocato dal primo minuto, non è escluso che il tecnico possa farlo rifiatare schierando Churko da titolare contro il Verona.

Precedenti. Negli unici due precedenti, al Bentegodi, tra le due squadre, il Verona non ha mai battuto il Frosinone. Lo scorso anno, in Serie A, furono gli uomini di Stellone a centrare i tre punti in riva all’Adige grazie a un 2-1 con rete decisiva di Frara nel recupero. L’altra gara casalinga disputata, risalente al campionato cadetto 2006/2007, finì invece 2-2 (per i gialloblù di Ventura reti di Da Silva e Iunco).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy