Pecchia: “Mi aspettavo un campionato diverso, la salvezza era alla nostra portata”

Pecchia: “Mi aspettavo un campionato diverso, la salvezza era alla nostra portata”

Il tecnico: “Non facile riprendere, ma ci sono tre partite da giocare”

di Redazione Hellas1903

Pecchia parla in conferenza stampa alla vigilia di Milan-Verona. “Non è facile riprendere il nostro percorso, ma restano 3 partite e bisogna giocarle” dice l’allenatore dell’Hellas.

“Parlando di giocatori che sono mancati mi riferivo agli infortunati Kean e Matos, e non solo loro. Mi riferivo solo al fattore fisico, ci sono mancati nel momento clou.”

“Nelle ultime gare abbiamo sempre offerto prestazioni di un certo livello pur essendo sotto pressione. Certamente rincorrere la salvezza ci ha fatto sprecare troppe energie, e abbiamo pagato a caro prezzo”.

“Mi aspettavo un campionato, il nostro, completamente diverso, l’obiettivo salvezza era alla nostra portata. Immaginavo un campionato molto aperto con molte squadre in lotta per la salvezza.  Il campo ha detto che le altre squadre hanno fatto meglio di noi.”

“Troppo rischioso restare a gennaio con una solo centravanti? Oltre a Kean c’erano Matos, Petkovic e Cerci. Cerci era il nostro giocatore con maggior esperienza e maggior vissuto, avrebbe dovuto essere un valore aggiunto, ma l’abbiamo avuto disponibile complessivamente per due mesi.”

“Io ho pensato solo al raggiungimento dell’obiettivo perché professionalmente l’importante era quello. Non ho mai pensato al mio futuro pur sapendo che le strade tra me e il Verona si sarebbero divise”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy