Pecchia: “Non condivido la scelta di Fusco, ora c’è solo la strada della vittoria”

Pecchia: “Non condivido la scelta di Fusco, ora c’è solo la strada della vittoria”

L’allenatore: “Non penso alle cose negative, Setti farà le sue scelte”

di Redazione Hellas1903

Il tecnico del Verona, Fabio Pecchia, presenta il match di domani contro il Cagliari in conferenza stampa.

“Ultimatum per me. È il quinto. Domani dobbiamo affrontare una gara importante, l’unico obiettivo è quello di vincere la gara. Io e la mia squadra dobbiamo essere concentrati a vincere la partita. L’obiettivo è alla nostra portata e dobbiamo essere concentrati su quello, anche se nelle ultime partite  abbiamo sbagliato. Con Fusco abbiamo condiviso lavoro, gioie, dolori e proteste. Sono contrario alle sue dimissioni. Avrà avuto le sue ragioni, però non condivido la sua scelta. Il rapporto che avevo con lui ha permesso di avere dei risultati importanti. Io non penso alle dimissioni e mai le ho pensate. Quando il presidente deciderà mi esonererà. Io penso a lavorare.”

Un commento anche sul match perso mercoledì: “A Benevento abbiamo toppato clamorosamente. Abbiamo mancato di rispetto a noi stessi perché abbiamo fatto una partita che non c’è stata mai. Altre volte abbiamo perso partite per errori grossolani, ma quella di Benevento non è stata una partita. Abbiamo mancato di rispetto a noi stessi, alla società e ai tifosi. Chiaramente io sono il primo responsabile. Abbiamo avuto la forza di reagire a tante situazioni e credo che la squadra sia in grado di reagire ancora.”

Il tecnico analizza il momento della squadra e il campionato: “La squadra deve essere in grado di trovare gli stimoli per raggiungere l’obiettivo. La pressione di questo momento fa parte del momento storico della squadra che sta passando. La squadra deve essere capace di reagire lasciando da parte quello che sta succedendo fuori. Il nostro compito è di rispondere sul campo. Il campionato è quello che è. Questa squadra doveva raggiungere l’obiettivo anche all’ultima giornata. L’obiettivo è lì alla nostra portata. Si va al rilento, ma questo è l’andamento. Questa squadra è a 4 punti e siamo lì a giocarci ancora chance importanti.”

Sulla partita di domani: “La mia squadra deve avere voglia di vincere la partita a qualunque costo. Abbiamo lavorato, però la prima cosa è la volontà da parte di tutti di vincere la gara. Non penso a cose brutte. Penso positivo, penso all’obiettivo e penso a vincere la partita. Sopra di me c’è un presidente in grado di valutare il mio lavoro. Con il Benevento la classifico come una partita che non c’è stata.”

Da parte di Pecchia nessuna anticipazione sulla formazione: “Arrivato a questo punto in un momento delicato devo fare valutazioni più profonde oltre all’aspetto fisico, anche mentale. Oggi Matos è venuto a trovare la squadra. Abbiamo perso giocatori importanti in un momento delicato, come Moise, domani vedremo chi scenderà in campo. Domani c’è solo una strada. Petkovic e Cerci insieme? Vedremo. In porta ci sarà Nicolas. Marco è cresciuto moltissimo, ha lavorato e ha fatto grandi cose. Bisogna fargli i complimenti, ma domani gioca Nicolas.”

Conclude: “Questo non è il momento più difficile per me, il più difficile è stato all’inizio, questo è un momento bello da vivere e da affrontare, con la voglia che mi carica ancora di più. Alcuni momenti complicati li abbiamo già superati. Domani chi ha più voglia di vincere la spunterà. Ai tifosi dobbiamo rispondere sul campo. Non c’è più Fusco? Non mi sento abbandonato. Intorno a me ho i miei collaboratori e il presidente.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy