SALA, CHE SUCCEDE?

SALA, CHE SUCCEDE?

Era l’uomo mercato del Verona, ora è involuto: Jacopo deve rialzarsi presto

Ce lo si ricorda, nella passata stagione, come un rullo sulla fascia destra. Per lui si era parlato di prospettive da convocazione in nazionale.

Non lo fermava nessuno, Jacopo Sala. Tant’è che, su di lui, si erano accesi i riflettori delle big. Ci sono stati gli avvicinamenti a mezza Serie A. Si è parlato dell’Inter, della Fiorentina, del Napoli, e con loro del Torino, che cercava l’uomo giusto per rimpiazzare Matteo Darmian, volato al Manchester United.

Il Sala di adesso sembra una controfigura di quello di allora. Anche con il Carpi è andato in sofferenza, messo sotto pressione dall’urto di Gabriel Silva. Non è la prima prova poco convincente di questo ragazzo che, con la Fiorentina, mercoledì sera, è pure uscito tra i fischi del pubblico del Bentegodi, cosa rarissima per la tifoseria gialloblù.

Che gli succede? La dirigenza del Verona l’ha sempre considerato un gioiello prezioso. L’ha valutato 7 milioni di euro. Gli ha prolungato il contratto, però soltanto fino al 2017. Avrebbe dovuto blindarlo. Così è sembrato che l’intenzione fosse soltanto quella di evitare di perderlo a parametro zero nel giro di pochi mesi.

Sala è rimasto e a questo pallidissimo Hellas manca enormemente la sua corsa, sempre abbinata a buona tecnica e a una grande versatilità tattica. I detrattori sostengono che la mancata cessione, in qualche modo, abbia inciso sulle sue motivazioni. Una cosa del tipo: voleva andare in una squadra di vertice, invece è qua e non ci sta bene.

Ma stiamo parlando di un professionista che non può certo, neppure sul piano inconscio, perdere stimoli per ragioni di questo tenore.

Più semplicemente, Sala si è involuto al pari dell’intero Verona. Ne è lo specchio più fedele: non è arrembante, come non lo è tutto l’Hellas. Dal suo risveglio, però, passa anche quello dei gialloblù. E quei fischi di Verona toccarono, in passato, a Nicola Ferrari, che poi è diventato l’emblema della Scalata dalla Prima Divisione alla Serie A.

Se Jacopo avrà la stesso carattere del grande Nick, l’Hellas uscirà dai guai presto. Ma molto, moltissimo, dipende da lui.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy