Tonfo a Benevento, il Verona (in dieci) perde 2-0

Tonfo a Benevento, il Verona (in dieci) perde 2-0

Espulso Caracciolo dopo sei minuti, in rete Ceravolo. L’Hellas reagisce ma al 78’ Ciciretti la chiude

Tonfo sonoro del Verona a Benevento. La squadra, rimasta in dieci per quasi tutta la gara (Caracciolo cacciato al 6’), va sotto al 38’, dopo aver tenuto bene, con un gol di Ceravolo che scherza Bianchetti e infila Nicolas. Poi l’Hellas gioca, tiene palla, crea pericoli ma non incide sotto-porta. Ciciretti la chiude su un altro liscio, stavolta di Fares, a sette dalla fine.

Il Benevento comanda in difesa, laddove il Verona è fragile, troppo, e vince con merito perché sa infilare la porta, cosa che l’Hellas non riesce a fare.

Pecchia manda in campo la formazione fotocopia di Salerno. Ganz è al centro dell’attacco con Siligardi e Luppi ai suoi lati. Fossati regista, mezz’ala destra Romulo, sinistra Bessa. Davanti a Nicolas Pisano, Bianchetti Caracciolo e Souprayen. Debutta la terza maglia blu scuro.

Baroni non ha a disposizione Puscas, Ceravolo è il terminale offensivo, ed è lui che beffa Caracciolo in azione di taglio al 6’. La gara si incrina subito, perché il difensore gialloblù, superato, lo stende al limite dell’area e si fa espellere: Verona subito in dieci. Ceravolo fa ammattire poco dopo anche Romulo, che si abbassa a terzino. Pisano va centrale e l’Hellas col 4-4-1. Il Verona non smette di cercare il gioco, rischiando però il contropiede dei campani che viaggiano compatti. Bessa perde malamente un paio di palloni, Fossati fatica nell’interdizione, il centrocampo vacilla. Luppi c’è e dal limite, imbeccato da Bessa, calcia forte al 19’: Cragno para. Il Verona annaspa quando il Benevento affonda a sinistra e Romulo è sempre in ritardo a chiudere. Siligardi fatica a tenere un pallone in avanti, Ganz è molto poco fornito. Il migliore dell’Hellas è Souprayen, l’unico che prova a spingere. Pisano sviene sul terribile Ceravolo al 28’, ne nasce un grande pericolo che Fossati sventa in angolo. Romulo prova a dare la sveglia in fase di spinta. Al 34’ Luppi riceve fuori area, si gira e imbecca Souprayen che va sul fondo a sinistra, sul cross, basso, per un soffio non arriva Ganz. Dopo Bianchetti, anche Fossati piglia un giallo per un fallo tattico. L’Hellas in 10 non sfigura affatto, ma dietro sono dolori. Il Benevento passa al 38’ quando Falco supera Bianchetti come un birillo e dal limite insacca alla sinistra di Nicolas. Davvero imbarazzante il tentativo di chiusura del difensore su cui il Verona ha deciso di puntare ancora. Nel finale di tempo i gialloblù rischiano ancora (Pisano ci mette una pezza) mentre in avanti c’è poca cattiveria nel cercare la conclusione.

Gomez (che risulterà nullo) per Ganz è (ma perché?) il cambio ad inizio ripresa di Pecchia.  Grande azione del  Verona al 4’: Bessa e Souprayen fanno a fette la difesa avversaria, il francese, defilato e quasi sul fondo calcia forte e Cragno devia in angolo. Siligardi si divora l’1 a 1 all’8’ quando solo in area di sinistro spara alle stelle con un’impercettibile deviazione della difesa avversaria. Occasione d’oro sprecata a fronte di uno sforzo ottimale in dieci contro undici. Fossati resta incerto e sbaglia palloni che rischiano di tingersi di sangue, Bessa lo imita. Esce Fossati, al 15’, dentro Fares. Preme l’Hellas: con Luppi e Bianchetti (di testa) si rende pericoloso. Il Benevento si difende in dieci. Cissè sostituisce Ceravolo. Ultima sostituzione di Pecchia: Cappelluzzo (invisibile) per Siligardi al 22’.  L’Hellas va col 3-3-3. Comandano il gioco, i gialloblù, ma mancano di precisione e bravura nel finalizzare. La partita finisce al 37’ quando un imperdonabile Fares di petto crede di servire Nicolas in chiusura ma offre a Ciciretti un assist perfetto col pallone solo da appoggiare in rete. Peccato, perché l’Hellas era rimasto perfettamente in partita e poteva ancora arrivare al pari.

Non resta ora che far tesoro degli errori (gravi) commessi per potersi rilanciare sabato prossimo al Bentegodi con l’Avellino. Perché quella sarà già una gara verità sulla reale consistenza di questo Verona.

BENEVENTO-VERONA 2-0 

Marcatori: 38′ pt Falco, 36′ st Ciciretti.

BENEVENTO (4-2-3-1): Cragno; Venuti, Padella, Lucioni, Lopez; Chibsah, Buzzegoli; Ciciretti, Falco (dal 24′ st De Falco), Melara (dal 40′ pt Jakimovski); Ceravolo (dal 16′ st Cissè).
A disposizione: Gori, Pezzi, Del Pinto, Pajac, Bagadur, Gyamfi.
All.: Baroni.

VERONA (4-3-3): Nicolas, Pisano, Bianchetti, Caracciolo, Souprayen; Romulo, Bessa, Fossati (dal 14′ st Fares); Luppi, Ganz, Siligardi (dal 22′ st  Cappelluzzo).
A disposizione: Coppola, Troianiello, Cherubin, Maresca, Zaccagni, Gomez, Valoti.
All.: Pecchia.

Arbitro: La Penna di Roma 1
Assistenti: Prenna di Molfetta e Opromolla di Salerno

NOTE. Espulso: Caracciolo al 6′ pt per fallo da ultimo uomo. Ammoniti: Bianchetti, Fossati, Lopez, Ciciretti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy