Tre anni fa la scomparsa di Giovanni Martinelli. Il ricordo

Tre anni fa la scomparsa di Giovanni Martinelli. Il ricordo

Il 15 ottobre 2013 si spense il Presidente che ha riportato in alto il Verona

Tre anni senza Giovanni Martinelli.

Il 15 ottobre 2013 si spense il Presidente dell’Hellas, l’uomo che ha riportato in alto il Verona. Il suo percorso fu ultimato da Maurizio Setti, che da lui rilevò la società nel 2012, ma il marchio di Martinelli sulla scalata gialloblù dalla Lega Pro alla Serie A è stato profondo e decisivo.

Acquistato il club da Piero Arvedi dopo una lunga trattativa, con il conte che a dicembre 2008 fu coinvolto in un terribile incidente stradale che lo portò al decesso a marzo 2009, Martinelli prima valutò l’ipotesi concreta della fusione con il Chievo, ma poi, compreso quanto quell’idea fosse contraria alla passione e alla volontà dei tifosi, scelse di andare avanti da solo.

Non risparmiò gli investimenti, costruì un Verona che mancò la B in modo beffardo nel 2010, ma che la conquistò l’anno dopo, con una magnifica rimonta coronata dalla vittoria nella finale playoff con la Salernitana. E nel 2011-2012 un grande Hellas sfiorò il salto in A.

Martinelli, imprenditore del settore tessile e proprietario immobiliare, aveva già deciso di cedere la società. Aveva speso molto e la sua salute era minata da anni. Un male spietato lo stava consumando. Sempre disponibile, amatissimo dai giocatori, legato fortemente alla tifoseria, cortese e signorile con la stampa, la Serie A la festeggiò nel 2013, con Setti che era presidente. Ma lui, appunto, restava il Presidente.

Un uomo che ha ridato i sogni al Verona e alla sua gente. Grande e indimenticabile.

Il Verona ricorda Giovanni Martinelli via web
Il Verona ricorda Giovanni Martinelli via web

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy