Verona beffato, 1-1 col Pisa. Furia gialloblù contro l’arbitro Rapuano

Verona beffato, 1-1 col Pisa. Furia gialloblù contro l’arbitro Rapuano

Vantaggio di Siligardi, pareggio di Tabanelli, ma all’Hellas manca un rigore nel finale

Il Verona viene beffato al 38’ della ripresa dal Pisa quando Tabanelli insacca l’1-1. Di più, l’arbitro Rapuano non assegna un rigore al Verona nel finale. Danno e beffa al Bentegodi per un buon Verona che, dopo il gol del vantaggio di Siligardi, ha il demerito di non riuscire a chiudere la partita nella ripresa. I toscani, dopo aver menato a tutto campo, trovano un punto che forse potrà servire, mentre i gialloblù, chiamati alla vittoria, dopo una prova gagliarda escono scornati e rabbiosi col direttore di gara, sul quale piovono gli improperi di tutto lo stadio.

La novità più rilevante in formazione è il ritorno di Giampaolo Pazzini, che era in dubbio fino all’ultimo. In avanti al suo fianco cè Siligardi. Si schiera col 3-5-2 l’Hellas. A riposo Bianchetti, c’è Boldor vicino a Caracciolo e Pisano. Anche Fossati siede in panchina e il folto centrocampo prevede Romulo, i due Zuculini, Bessa e Souprayen.

Nel Pisa Ujkani tra i pali, difesa a quattro con Birindelli, Lisuzzo, Del Fabro e Longhi. In mezzo al campo Tabanelli, Di Tacchio e Lazzari, in avanti Mannini, Gatto e Masucci.

Sono settecento i Pisani a seguire la squadra al Bentegodi. La gente dell’Hellas si è ricompattata attorno alla squadra dopo l’allenamento di ieri all’Antistadio, con più di 500 persone a incitare il gruppo di Pecchia.

I ritmi sono alti da subito. Il Pisa pressa al limite della regolarità, alla Gattuso. I toscani sono forti dei soli 21 gol subiti, nettamente la miglior difesa, ma debolissimi in avanti con sole 18 segnature, il peggior attacco. Il Verona scopre che a destra il Pisa è perforabile e con Bessa e Franco Zuculini crea un paio di situazioni pericolose. Gli avversari sono tutti all’indietro, compatti, con Lisuzzo a dettare i tempi in retroguardia.

Al 17’ Franco Zuculini da fuori calcia alto, applausi di incoraggiamento, ma superare la muraglia pisana sembra un’impresa. Al 19’ Nicolas esce a valanga su Gatto che è in fuorigioco. Il portiere si ammacca, ma si rialza. Anche Souprayen non è al meglio. Per un fallo netto su Franco Zuculini Lisuzzo prende un giallo pesante al 20’. Zucu corre a recuperare palloni ovunque, ma la sua foga gli costa l’ammonizione al 23’. Per il resto il Verona fatica.

SILIGARDI! VERONA IN VANTAGGIO, ZUCULINI SUPERSTAR

Da una meravigliosa azione di Franco Zuculini sulla destra al 24’ nasce il gol del vantaggio del Verona. L’argentino se ne va superando tre avversari, mette dentro in scivolata dove c’è Pazzini che imbecca Siligardi. La palla è sul sinistro, il tiro è a giro e a mezza altezza, per Ujkani non c’è scampo. Si sblocca una gara molto complicata.

RIPRESA DI LOTTA, POI LA BEFFA

Il Pisa non cambia tattica, sta dietro, il Verona nemmeno, prosegue nel cercare un pertugio per aumentare il vantaggio. I toscani, poi, cercano di offendere, con scarsi risultati. Franco Zuculini è indiavolato, al 34’ recupera un altro pallone in scivolata e mette un cross alto per Pazzini, la palla arriva a Bessa sul quale irrompe fallosamente Di Tacchio che viene ammonito. Sulla punizione Siligardi sfiora la traversa al 36’. Il Pisa crea un pericolo al 37’ quando Tabanelli si getta su un cross da punizione ma di testa, vicino alla porta, spedisce alto. Di Tacchio continua a buttare giù Pazzini a metà campo e rischia il rosso. I pisani sono nervosi, giallo per Mannini che protesta al 40’.

Sfiora il raddoppio il Verona quando al 2’ della ripresa Siligardi mette un pallone teso su cui va Pazzini di testa, la palla esce non di molto. Gattuso toglie Birindelli per inserire Peralta.

L’Hellas prosegue nella caccia al doppio vantaggio. Pregevole un’azione a sinistra con cross di Siligardi al minuto 8, Franco Zuculini non ci arriva per un soffio. Il Pisa alza il baricentro, i gialloblù hanno più spazio. Uno stremato e applauditissimo Franco Zuculini lascia spazio a Fossati all’11’. Il neo entrato, per nulla all’altezza di Zuculini, si fa superare da Peralta che crossando crea un pericolo. Nicolas esce in tuffo e blocca. Pecchia va col secondo cambio al 24’, fuori Siligardi, dentro Zaccagni. In avanti sale Bessa vicino al Pazzo. Cresce il nervosismo tra i pisani, mentre il Verona fatica a ripartire e il risultato resta in bilico. Rapuano fa infuriare il pubblico per un giallo a Bruno Zuculini, che prende la palla ma entra in maniera rude s

Terzo cambio, è il momento di Simone Ganz che al 31’ sostituisce Pazzini. Lores prende il posto di Gatto nel Pisa. I toscani non cavano un ragno dal buco, mentre Ganz, al 37’ sfiora il gol di testa su cross di Romulo, Ujcani salva in corner.

AL PRIMO TIRO IL PISA SEGNA, 1-1

Al 38’ arriva il pareggio del Pisa. Dalla sinistra parte un cross sul quale svetta sopra a tutti Tabanelli che insacca.

Zaccagni dal dischetto del rigore si mangia il gol ciccando la palla su assist di Bessa. Occasionissima per il 2-1 al 42’.

Fattaccio al 45’, quando Zaccagni va in area e Mannini lo stende. Il Bentegodi grida al rigore, ma Rapuano non ha dubbi e fischia il fallo al gialloblù. Mannini perde un sacco di tempo prima di uscire per una fantomatica botta. Dopo una perdita di tempo infinita, sono solo 4 i minuti di recupero. La rabbia del pubblico si rovescia addosso a Rapuano.

L’Hellas si fa beffare nel finale, e fallisce un’altra possibilità col terzo pareggio consecutivo, di farsi sotto alle prime. Ma stavolta le responsabilità non sono solo sue.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy