VERONA CHE PARI A BERGAMO! PISANO AL 97′ REGALA L’1-1

VERONA CHE PARI A BERGAMO! PISANO AL 97′ REGALA L’1-1

Infortuni per Toni e Marquez, espulsione di Jankovic, gol di Moralez. Ma l’Hellas acciuffa alla fine un pari incredibile

Una brutta gara, complicatasi maledettamente per il Verona con gli infortuni di Toni e Marquez, sembra finire ancora peggio col gol di Maxi Moralez all’89’ col Verona in 10 per l’espulsione di Jankovic.
Tutto pare girare al peggio. Ma il Verona mostra il cuore e approfitta dei sei minuti di recupero concessi da Maresca. Il piedino d’oro di Viviani al 97′ pennella, sul secondo palo va Pisano che inzucca in rete sul legno opposto. Delirio tra i 700 andati a Bergamo. Il Verona risorge dalle tenebre, recupera, e acciuffa il pari meritato.
In campo dal primo minuto c’è Gollini. Rafael ha ufficialmente un problema all’adduttore anche se siede in panchina. È  l’unica variazione tra gli 11 annunciati.
La brutta notizia arriva al 25′ quando Toni è costretto ad abbandonare il campo per un problema al ginocchio dopo un contrasto con Paletta. Entra Pazzini.
Il Verona soffre un avvio a cento all’ora dell’Atalanta, Moras e Marquez sono attenti ed evitano il peggio. Viviani va a sprazzi, Pazzini guizza ma il primo tempo non offre spunti che possano impensierire i portieri.
La ripresa inizia coi padroni di casa in avanti ma imprecisi.
Sala prende un giallo dopo quelli rimediati da Souprayen e Jankovic. Lui e Pisano non offrono una copertura sicura e da quella parte i bergamaschi provano a colpire. Il Verona attende e si copre. Non vuole correre rischi. Gomez si sacrifica, al solito, in copertura. Pazzini è, nelle poche folate del Verona, pericoloso in avanti, bravo a cercare gli spazi.
Al 13′ della ripresa una deviazione della difesa dell’Atalanta mette il Pazzo davanti a Sportiello. Incredibile l’errore dell’attaccante che si fa parare il tiro che è un rigore in movimento. Ma il Verona mette paura all’avversario. Reja inserisce Monachello al posto di uno spento Denis al 17′, poi Marquez, dopo un’ottima gara, si fa male all’inguine. Altra tegola per Mandorlini, entra Bianchetti al 25′.
L’Atalanta riesce di nuovo a schiacciare il Verona nella sua area e arrivano minuti si sofferenza. Da corner Papu Gomez coglie il primo palo. Si balla.
Juanito calcia debolmente dal limite al 30′. Cigarini per Grassi, Reja prova a vincerla. Anche Gollini viene ammonito, poi Jankovic commette una colossale ingenuità prendendo il doppio giallo per una brutta entrata su Masiello. Verona in 10 al 35′. E senza Toni quanto manca il suo prendersi tutti sulle spalle. Con le forze rimaste l’Hellas prova ad andare oltre gli episodi negativi. Greco piglia un pestone, la Dea sembra imprecisa.
Il minuto 44′ è devastante. L’Atalanta segna. Maxi Moralez, il bassotto terribile, svetta al limite dell’area piccola e la mette alle spalle di Gollini.
Mandorlini mette subito Siligardi e toglie Sala. Ci sono sei minuti di recupero e Greco si vede subito deviato un tiro a botta sicura. Si buttano in avanti i gialloblù, ci credono, e all’ultimo respiro risorgono.
Una botta di fiducia notevole per poter affrontare le prossime impegnative gare con maggior animo. Mercoledì c’è l’Inter capolista, si va a San Siro.
Foto Getty per Gazzanet

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy