Verona di cuore ma non basta: con la Spal è 0-0

Verona di cuore ma non basta: con la Spal è 0-0

Gara bloccata per un tempo, poche le occasioni. Paura nella Nord, cade un tifoso della Spal

Finisce 0-0 tra Verona e Spal. L’Hellas non riesce a imporsi sui ferraresi in una gara tesa e tirata fino alla fine nella quale vince la capacità degli emiliani di chiudere i varchi. Solo nella ripresa si vede qualcosa con un paio di ghiotte occasioni da una parte e dall’altra. Il Verona fa un passo avanti rispetto ad Avellino ma non è molto se si considera che per andare su certe gare bisognerebbe saperle vincere. La traversa clamorosa di Vicari all’80’ dice, comunque, che va bene così, in attesa, si spera, di ritrovare quanto prima la vittoria.

Assenti Siligardi, Valoti e Gomez, Pecchia decide di cambiare ulteriormente in più di un reparto. Fuori Bianchetti, dentro Boldor vicino a Caracciolo. Alex Ferrari debutta da terzino destro, a sinistra c’è Souprayen. Due davanti alla difesa: Franco Zuculini e Fossati. Dietro a Pazzini ci sono Zaccagni, Bessa e Fares, con Luppi in panchina.

La Spal si schiera con Meret in porta, Bonifazi, Vicari e Cremonesi i tre centrali. A centrocampo Costa, Arini, Schiattarella, Mora e Lazzari, in avanti Antenucci e Floccari.

Sono più di 2500 i tifosi ferraresi, ma all’ingresso in campo la Sud fa la voce del padrone. “Fuori i c..” è il coro pochi istanti prima del fischio di Di Paolo.

PRIMO TEMPO, GARA BLOCCATA

I gialloblù hanno un buon impatto sulla gara, cercando di mostrare la tempra necessaria alla sfida. Il baricentro è alto, Bessa si muove con pericolosità spaziando dietro a Pazzini, che ci prova al 7’ da fuori calciando alto. Anche Fossati ci prova, senza fortuna, al 16’ dopo una bella azione di Souprayen sulla sinistra. Il francese è il più chiamato in causa. La Spal, con i cinque dietro, si difende con ordine.

Al 20’ il Verona va vicino al vantaggio. Zaccagni la mette da destra, il Pazzo si fionda sulla palla ma viene contrastato: il dubbio del fallo da rigore è grande. L’Hellas prosegue nello sforzo, arriva ai limiti dell’area ma i cross sono sporchi e la densità della Spal fa il resto. Gli ospiti si fanno vedere in maniera pericolosa solo al 26’ ma Floccari sbaglia l’appoggio al limite dell’area. Fossati perde un pallone sanguinoso al 28’ regalandolo a Schiattarella che va sul fondo. Floccari arriva sul cross ma calcia centrale e Nicolas si salva. Due minuti dopo Souprayen tira in controbalzo ma spedisce il pallone verso il Palazzetto dello Sport. La gara si accende. Ancora Fossati da fuori al 32’, la mira è sbagliata. La Spal fa gara di contenimento, nulla più. E ci riesce bene. Pazzini viene imbrigliato, il Verona corre molto ma produce poco.

Nella ripresa l’Hellas aggredisce con un pressing alto fin da subito. Gli animi si scaldano, Floccari viene ammonito al 5’ per un pestone a Fossati. Fares è leggero a sinistra e viene murato da Bonifazi in corsa. Mora placca Zaccagni, altro giallo. Il Verona.

SPAVENTO SOTTO LA NORD, CADE TIFOSO DELLA SPAL

All’11’ gli sguardi del pubblico sono tutti verso la parterre della Curva Nord dove un tifoso della Spal è caduto sul cemento dopo un volo di vari metri. I soccorritori si sbracciano, i supporters ferraresi depongono striscioni, sciarpe e bandiere, e restano in silenzio preoccupati. Lo sventurato è portato fuori dopo alcuni minuti in barella, tutto lo stadio applaude. Arrivano notizie confortanti dai colleghi ferraresi: il ragazzo caduto è cosciente, avrebbe riportato delle fratture ed è stato immediatamente trasportato all’Ospedale di Borgo Trento.

Al 17’ Bessa ci prova dal limite sfiorando il palo. I gialloblù premono. Ferrari, gara ordinata la sua, calcia alto da fuori al 21’. Esce Zuculini per Luppi al 23’. Gli applausi per l’argentino, lottatore a centrocampo sono meritati. Zigoni per Antenucci è la risposta immediata di Semplici. Fossati cerca la veronica, perde palla, poi commette fallo al 28’. Manca lucidità.

OCCASIONE PER ZIGONI, NICOLAS SALVA

Al 32’ c’è la palla gol più nitida della gara sui piedi di Zigoni, che riceve palla in area calcia. Nicolas salva la porta di piede. Risponde il Verona ma in contropiede Fossati ciabatta dal limite. Esce lo stesso un minuto dopo. Entra Cappelluzzo, Pecchia decide per lo sbilanciamento in avanti, arretrando però Zaccagni e Bessa.

CAPPELLUZZO VICINO AL GOL

Al 36’ Fares ruba la palla a Schiattarella e si invola a sinistra, mette dentro il pallone sul quale si getta Cappelluzzo. Stavolta è Meret a compiere un miracolo con un intervento alla Garella.

TRAVERSA DELLA SPAL, ZACCAGNI ESPULSO

Gli ospiti vanno vicinissimi al vantaggio al 40’ quando una palla infida scorre da destra a sinistra. Da due passi Vicari calcia di potenza ma centra una clamorosa traversa.

Al 44’ entra anche Ganz, esce Fares. Tutti su per i cinque di recupero. Zaccagni entra duro su Arini ma il rosso che prende sembra eccessivo. Il brivido finale è per il Verona. C’è una punizione dal limite per la Spal a tempo scaduto. Di Paolo fa battere ma Del Grosso calcia sulla barriera e arriva il triplice fischio.

Il Verona deve tornare a vincere quanto prima se vuole riprendersi il treno della promozione diretta.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy