Verona sei fatale ancora! Milan distrutto 3-0, delirio al Bentegodi!

Verona sei fatale ancora! Milan distrutto 3-0, delirio al Bentegodi!

Caracciolo, Kean e Bessa affondano i rossoneri. Grande prova di squadra

di Andrea Spiazzi, @AndreaSpiazzi

La “Fatal Verona” colpisce ancora. E con che botte. Tocca, questa volta, alla squadra di Pecchia regalare un’altra grande gioia contro i rossoneri. Una gioia enorme, inaspettata e contro ogni pronostico. La vittoria, per 3 a o è importantissima in chiave salvezza e non nasce per caso, perché l’Hellas di oggi non ha mollato un centimetro all’avversario, usando lo spadone contro il fioretto dei blasonati rossoneri, coprendo il campo, scattando il velocità, colpendo mortalmente.

Caracciolo, Kean e Bessa sono gli eroi di giornata, ma davvero tutti meritano un plauso (Romulo e Caceres, che partita!). Tra molte difficoltà, tra cui due cambi obbligati per gli infortuni di Valoti e Cerci nel primo tempo, l’intensità dei gialloblù è rimasta la stessa. Quella che si voleva vedere, quella della quale in pochi erano convinti di non vedere più. Invece, l’Hellas, esaltato dal suo pubblico, ribalta i pronostici, getta il cuore oltre l’ostacolo, stravince, annienta i ricconi e si rilancia alla grande.

FORMAZIONI

Pecchia, assente Fares, piazza Caceres a sinistra dalle parti di Suso, completano il reparto, da destra,  Ferrari, Caracciolo ed Heurtaux.  Il 4-4-2 a centrocampo prevede Romulo, Bruno Zuculini, Buchel e Verde in avanti ci sono Valoti e Cerci, con il primo più arretrato.

4-3-3 per il Milan: con Donnarumma; Calabria, Bonucci, Romagnoli, Rodríguez; Kessie, Montolivo, Bonaventura; Suso, Kalinic e Borini. Dirige Orsato, assistenti Alassio e Carbone, IV ufficiale Guia, al Var Aureliano con l’ausilio di Ghersini. Giornata di sole ma fredda al Bentegodi, dove sono   19.439 gli spettatori, con 1800 milanisti in Curva Nord.

PRIMO TEMPO, MILAN IN AVANTI MAVERONA TENACE

Il Milan va subito in pressing alto e il Verona fatica a impostare l’azione, ma si difende con determinazione. E’ di Caceres il primo tiro degno di nota, al 10’. L’uruguaiano si invola a sinistra e calcia dal limite, Donnarumma blocca a terra. Si gioca in un fazzoletto quando l’Hellas avanza, con la linea dietro rossonera che si alza creando una densità, specie a destra, difficile da superare. Romulo subisce un raddoppio falloso al 14’ e si infuria con gli avversari. Viene placato (e placcato) da un suo compagno. Il Verona sfodera la grinta necessaria a non soccombere. Suso al 18’ va vicino al gol dopo un’azione corale che lo porta al limite dell’area: il tiro a giro va fuori di un niente

Pecchia al 23’ sostituisce Valoti, che non la prende bene, e fa entrare Bessa.

CARACCIOLO! 1-0 VERONA

Romulo, al 24’, batte finalmente un corner degno di questo nome. La palla è testa. Caracciolo svetta imperiosamente, la palla è veloce, sbatte sulla parte bassa della traversa, poi su Donnarumma, ed entra. Il coraggio dell’Hellas viene premiato. Il Milan tenta una reazione che non porta frutto, la gara si muove comunque su un equilibrio davvero sottile.

CERCI KO, DENTRO

Guaio grosso per l’Hellas al 30’: dopo un affondo sulla destra Cerci si tocca la coscia. Non ce la fa, e Pecchia è costretto al secondo cambio: dentro Kean. L’attacco si alleggerisce ulteriormente, ma i gialloblù non smettono di lottare. Caceres a sinistra sale e si rende pericoloso. Quando il Milan avanza la squadra arretra e cerca di fare muro, senza tuttavia farsi schiacciare.

Al 37’ si apre una voragine a sinistra, Suso va come un falco e calcia, Nicolas respinge in tuffo, c’è una carambola in area pericolosissima, Suso ci riprova, Caracciolo sventa tra gli applausi del pubblico. L’adrenalina in campo è alle stelle, ed è l’arma più potente di cui dispone la truppa di Pecchia, che, pur rischiando, non molla un centimetro.

Al 42’ Bonaventura batte una punizione non irresistibile, Nicolas la ribatte male, ne nasce un altro corner. Si soffre per andare negli spogliatoi in vantaggio. Ci sono tre minuti di recupero. Ferrari a centrocampo crolla a terra, c’è una probabile gomitata di un rossonero. Arriva il Var, per Borini è solo giallo.  Arriva il doppio fischio.

SECONDO TEMPO, KEAN-GOL!! LA PANTERA FA 2-0!

Il Verona parte bene nella ripresa, con la giusta determinazione per non concedere varchi al Milan. Ma non è solo questo, è molto di più. Perché l’Hellas non rinuncia a giocare e ad attaccare. E’ il 10’, Verde serve Bessa che a sinistra guizza sul fondo. Il brasiliano calibra un assist al bacio per Kean dalla parte opposta. Il giovanissimo gialloblù in diagonale trafigge Donnarumma, il Bentegodi esplode.

I rossoneri accusano il colpo, Kalinic esce e fa posto ad Andrè Silva. L’Hellas non si impaurisce. Con Romulo, Verde e Kean bravi a tenere alta la squadra. Gattuso getta nella mischia Locatelli, fuori Montolivo al 27’.

E TRE! BESSA FA ESPLODERE IL BENTEGODI

Diciamolo, visti i precedenti (Ferrara su tutti), il 2-0 non lascia nulla al sicuro. Serve, dunque, un’ennesima grande iniziativa di Romulo al 32’ per servire l’assist a Bessa. Il tocco è delizioso, di quelli che da troppo tempo gli mancavano. Donnarumma è infilato per la terza volta, il Bentegodi esplode.

C’è poco nel finale, il Milan tenta di salvare la faccia (straperduta), Caceres anticipa Andrè Silva, Cutrone (pizzica il palo esterno di testa). Suso si fa espellere nel recupero calciando Verde.

Il boato finale sancisce una giornata storica. Più che per aver stracciato il Milan in una giornata epica, questa deve essere la svolta per un Verona che ora guarda alla salvezza con maggior convinzione di potercela fare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy