Verona, troppi errori e poca rabbia per far punti. La Samp vince 2-0

Verona, troppi errori e poca rabbia per far punti. La Samp vince 2-0

Gara dominata in larga parte dai blucerchiati, che però la chiudono solo nel finale

Il Verona esce dal Ferraris senza punti. Contro un avversario dai valori tecnici platealmente superiori e sesto in classifica mica per caso, l’Hellas non riesce a far emergere la rabbia necessaria per tentare di strappare dei punti alla Sampdoria. Subisce tantissimo nel primo tempo, tiene nella parte centrale della gara ma crolla nel finale. I gol nascono da due erroracci difensivi, uno di posizione del reparto e uno di ingenuità e frustrazione di un deludente Valoti. Ma la Samp poteva farne cinque e il 2-0 firmato Barreto-Quagliarella e il risultato non fa una piega.

FORMAZIONI

Assente Ferrari, oltre a Cerci, Pecchia schiera Romulo basso a destra. Vicino a lui Caracciolo e Vukovic, a sinistra Fares. Centrocampo con Matos, Valoti, Buchel e Aarons, in avanti Petkovic e Kean.

La Samp si mette a 4-3-1-2 con Viviano in porta, a centrocampo Bereszynski, Silvestre, Ferrari, Murru; Barreto, Torreira, Linetty; Caprari; Quagliarella e Zapata.

Arbitra Pairetto in un Ferraris senza i tifosi del Verona, ai quali la trasferta è stata vietata.

PRIMO TEMPO, IL VERONA TREMA, LA SAMP SPRECA

Dopo due minuti Caprari ci prova da fuori, Nicolas c’è. La Samp pressa alto e guadagna corner. Asl 4’ Kean parte dalla sua area e si fa settanta metri seminando il panico, poi Fares sciupa cn un passaggio errato.

MIRACOLI DI NICOLAS, ANCHE VUKOVIC SALVA LA PORTA

E’ il settimo minuto, Linetty trova l’inserimento in area coi centrali del Verona in ritardo, Linetty batte a colpo sicuro ma Nicolas si getta e salva la porta. La qualità della Sampdoria si fa vedere, specie a centrocampo. Caprari imbecca Quagliarella che calcia in diagonale all’11’: Nicolas è ancora decisivo ma sono già tre le palle gol create dalla Samp.

Matos dà un po’ di respiro a destra, fatica di più Aarons dalla parte opposta. Al 17’ il gol dei blucerchiati sembra fatto. Caprari da destra crossa, Quagliarella va a colpo sicuro di testa ma Vukovic salva sulla linea. Incredibile occasione anche al 19’: stavola Nicolas la combina grossa scivolando sul rinvio, Quagliarella serve Zapata che viene fermato dall’uscita del portiere brasiliano. E’ un tiro al bersaglio, una pressione continua dei padroni di casa. Pecchia si sgola per spronare a fare più movimento senza palla, l’Hellas prova a prendere coraggio.

NICOLAS, DALLE SUPER-PARATE AI RINVII HORROR

Romulo fallisce un cross al 25’ dopo una bella azione, finalmente, targata Matos-Aarons. L’inglese sbaglia, però, in contropiede al 28’, servendo male Romulo sul fondo. Il capitano gialloblù gioca a tutta fascia e alterna buone cose a errori grossolani. Quagliarella e Caprari calciano male, la Samp è meno lucida anche a causa dei primi 25 minuti a mille all’ora. Kean mostra la sua potenza. Ha coraggio e classe nel far salire la squadra. Nicolas rischia ancora su rinvio mettendo in serio pericolo la squadra. Incredibile. I suoi calci sbagliati ridanno fiducia alla Samp, che ci prova nel finale di tempo, ma la difesa del Verona è più attenta.

SECONDO TEMPO

La tattica del Verona non cambia, difesa e contropiede, ma con un baricentro non basso.

LA DIFESA DORME, CAPRARI A SEGNO, 1-0 SAMP

Da una palla persa di Kean a centrocampo, Quagliarella scappa a destra e serve dalla parte opposta Caprari, lasciato solissimo da Fares e Romulo che lo guarda crossare una palla che Barreto, in inserimento, deve solo accarezzare di testa per trasformare in gol.

Il Verona non reagisce di impeto e si allunga, la Samp prova a chiudere il discorso. Zapata si divora il 2-0 in contropiede con un pallonetto alto. L’Hellas prova a rispondere aumentando la carica agonistica, Fares è ammonito al 14’. Verde entra al posto di Aarons. Giampaolo sostituisce Zapata e fa entrare Kownacki al 15’.

Al 18’ Verde da destra crossa col mancino, la palla gira e sfiora il palo lontano. Due minuti dopo altro cross dell’esterno che Bereszynski mette in corner. Fares disinnesca un contropiede, poi Calvano sostituisce Petkovic. Matos viene murato in un tentativo di conclusione da fuori al 26’. Esce Caprari, il migliore dei suoi, per far posto ad Alvarez. La Sampdoria rallenta il ritmo. Matos coglie un palo ma è in fuorigioco di due metri al 29’. I gialloblù concedono più spazio, nella fase finale in cui emerge la stanchezza da ambo le parti, la tecnica dei blucerchiati fa la differenza. Kean ha la forza di scappare ma semina anche i suoi compagni e viene chiuso. Buchel sbaglia a centrocampo venendo sovrastato, assieme a Valoti, da quello avversario.

Felicioli per Buchel è l’ultimo cambio di Pecchia.

VALOTI ATTERRA MURRU, QUAGLIARELLA CHIUDE LA GARA

Al 40’, quando almeno nel risultato tutto poteva ancora accadere, Valoti atterra in area Murri. Un’ingenuità colossale che costa al Verona la sconfitta. Per Quagliarella è un gioco spiazzare Nicolas.

Ci si poteva aspettare di più, se non nel risultato, quantomeno nella determinazione, specie nella ripresa. Il Verona esce con zero punti da Marassi. Per ora, nel ciclo di ferro da mission impossible, l’Hellas ha stupito solo a Firenze. Domenica ci sarà la Lazio all’Olimpico, poi il Torino al Bentegodi. L’Hellas ha bisogno, ora, di non demoralizzarsi e di provare a ripartire.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy