Altre di B, nuovi problemi per la cessione del Pisa

Altre di B, nuovi problemi per la cessione del Pisa

Duro comunicato della famiglia Corrado contro Petroni

di Redazione Hellas1903

Emergono nuovi, e con ogni probabilità definitivi, problemi per quanto riguarda la cessione del Pisa.

Fino a qualche ora fa, sembrava fatta per il passaggio del club nelle mani della famiglia Corrado. Tuttavia, la situazione è adesso cambiata.

Molto duro è infatti il comunicato della Magico Srl, vale a dire la società della famiglia Corrado, contro l’attuale presidente nerazzurro Petroni: “Carrara Holding (l’azienda di Petroni, ndr) dovra’ assumersi le proprie responsabilita’ […] Prendiamo atto dell’ennesimo comunicato di Carrara Holding, finalizzato a confondere la realta’ dei fatti e del comunicato della Lega B, con il quale il presidente Andrea Abodi, a riprova di grande impegno e professionalita’, tenta ancora una volta di porre rimedio ai ripensamenti e ai gravi ritardi del venditore. […] Carrara Holding ha continuato ad avanzare, ogni giorno, nuove richieste e nuove condizioni, in gran parte accettate dalla parte acquirente. Ma nonostante gli sforzi e le continue concessioni della parte acquirente, Carrara Holding, attraverso l’invio di un bozza contrattuale completamente stravolta, in totale contrapposizione alla proposta irrevocabile consegnata ed accettata e agli accordi seguenti, ha rifiutato di ancorare una parte del prezzo alla certificazione, obbligatoria per la Lega B, del bilancio consuntivo e previsionale, di risolvere il contratto di lavoro con parte del management attuale, di garantire contrattualmente l’attendibilita’ dei documenti depositati in data room, di confermare le garanzie patrimoniali in precedenza riconosciute e di provvedere ad ottenere dai tesserati una liberatoria per impegni assunti dalla societa’ e non previsti dal contratto”.

Sembra dunque che la trattativa stia definitivamente naufragando. Il futuro del Pisa si fa sempre più incerto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy