L’Hellas: “I nostri conti sono in ordine”

L’Hellas: “I nostri conti sono in ordine”

La replica del Verona a “La Gazzetta dello Sport”

Riportiamo il comunicato diffuso dal Verona in questi minuti tramite il proprio sito web.

“In merito agli articoli apparsi a pag. 29 nell’edizione odierna de ‘La Gazzetta dello Sport’ a firma dei giornalisti Roberto Pelucchi e Marco Iaria intitolati ‘Verona, i conti non tornano – Paracadute-bis già in cassa’ e “Così fan tutti ma il caso Hellas faccia riflettere”, la Società comunica che ogni operazione effettuata dal nostro club è assolutamente legittima e l’aver riportato notizie in modo inesatto e fuorviante ci rammarica profondamente ed insinua molti dubbi. Si smentisce fermamente di aver “ottenuto da Banca Sistema di corso Monforte a Milano un finanziamento di 15 milioni di euro (18 milioni e 300 mila euro con l’Iva)“, relativo al paracadute della stagione 2017/18 qualora il Club restasse in Serie B, in quanto si tratta di affermazioni non veritiere. Hellas Verona FC ha chiuso il bilancio della stagione 2015/16 in positivo, confermato anche dalla recente candidatura al premio fair play finanziario.

Si rileva, inoltre, che anche il bilancio semestrale si è chiuso in maniera positiva, così come la previsione di quello della stagione in corso e senza che la società abbia alcun debito con istituti di credito. Tali ulteriori informazioni vengono fornite con l’unico fine di confermare che la nostra società non ha timore di smentita, trattandosi di dati reali e incontestabili che evidenziano l’assenza di criticità nell’attuale gestione del club. Rimaniamo, inoltre, basiti e sorpresi dalle modalità di questa “inchiesta” del quotidiano, avviata guarda caso in un momento del campionato decisivo per la città ed i colori gialloblù.

Lascia perplessi che anziché dedicarsi ad eventi che riguardano le ultime gare di campionato che hanno evidenziato diversi episodi contestati e conseguenti spunti di riflessione, un quotidiano di importanza nazionale si accanisca pretestuosamente nei nostri confronti diffondendo notizie riportate in modo strumentale creando inutili polemiche.

Abbiamo altresì già incaricato il nostro legale di fiducia Avv. Stefano Fanini di avviare ogni iniziativa in sede civile e penale idonea a tutelare l’immagine del nostro club, fortemente lesa da articoli che hanno connotati di natura del tutto strumentale e fuorvianti per l’opinione pubblica anche considerato che il club aveva già provveduto a dare informalmente le corrette informazioni onde evitare tale spiacevole situazione, che a quanto pare non sono state tenute in debita considerazione”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy