Non c’è partita al Bentegodi, l’Atalanta annienta il Verona per 5-0

Non c’è partita al Bentegodi, l’Atalanta annienta il Verona per 5-0

Gara iniziata male e finita in disfatta per i gialloblù. Tripletta di Ilicic, a segno anche Cristante e Gomez

di Andrea Spiazzi, @AndreaSpiazzi

Nata male e finita peggio la gara al Bentegodi per il Verona contro un’Atalanta formato Uefa. I gialloblù crollano in 48 minuti sotto le reti di Cristante, dopo 120 secondi di gioco, e la doppietta di Ilicic. In mezzo un palo clamoroso di Matos che poteva dare l’1-1, il Var che prima annulla un gol a Gomez e poi concede uno strano rigore agli ospiti per la doppietta dello sloveno. A gara chiusa, nella ripresa, c’è tempo per la tripletta dello sloveno e il gol di Gomez, che trasformano la sconfitta in disfatta.

Il divario tecnico tra le due è amplissimo, a tratti sembrano due le categorie di differenza. La rete iniziale (ancora una volta presa subito), poi, condiziona a gara, l’Hellas non riesce a reagire e a mettere la grinta avuta ultimamente, anche perché sovrastata da un avversario fortissimo. In calo, poi, le prove di alcuni, in particolare di Fares, Ferrari, Calvano e Romulo.

FORMAZIONI

Verona Senza Kean e Cerci, Pecchia si affida al consueto 4-4-2 con Ferrari, Caracciolo, Vukovic e Fares dietro, Romulo, Buchel, Calvano e Verde a centrocampo, in avanti Petkovic e Matos.

Gasperini risponde con un 3-4-3: Berisha tra i pali, Toloi, Palomino e Masiello in difesa, centrocampo con Castagne, Cristante, Freuler e Spinazzola, poi il tridente Ilicic, Petagna e Gomez.

Arbitra Di Bello, piove e tira vento. Il Verona gioca in maglia gialla, in bianco l’Atalanta. Al Bentegodi       14.919 spettatori.

PRIMO TEMPO, ATALANTA SUBITO IN VANTAGGIO CON CRISTANTE

Ilicic con un affondo sulla destra guadagna un corner dopo un minuto. Sugli sviluppi la palla rimane in area, Matos la rinvia male Cristante raccoglie ed è lesto a calciare trafiggendo Nicolas. Un avvio peggiore non poteva esserci. L’Atalanta spinge, a destra Castagne entra facile, l’Hellas si salva dal due a zero. Petagna al 7’ si mangia il gol, i gialloblù sono nel pallone e non vedono il pallone nei primi dieci minuti. Matos prova a ripartire, lo fermano. I nerazzurri sono determinati e fanno valere la qualità del gioco e dei singoli. Sempre Matos prova a dare la sveglia, guadagnando un corner al 15’. Calvano prende una botta sul naso, ha bisogno dei medici, rientra con un tampone. Ogni volta che scendono, gli ospiti mettono paura e il Verona spazza con ansia. Calvano strattona Ilicic e si prende il giallo al 21’.

PALO CLAMOROSO DI MATOS

Al 23’ Daniele Verde si inventa un’azione straordinaria seminando mezza Atalanta sulla destra, il cross è perfetto, al centro dell’area Matos calcia al volo ma coglie un palo clamoroso. Sfortuna marcia per i gialloblù, che però prendono coraggio. Matos si invola, ammonizione per Ilicic che lo butta a terra al 27’. L’Hellas cresce, seppur con i suoi limiti in fase di rifinitura. Parte di nuovo Matos, lo atterrano e stavolta il giallo tocca a Cristante. La partita è difficilissima, gli errori dei gialloblù non sono perdonati dalla Tribuna Ovest, che fischia, mentre la curva continua a sostenere. Fares sbaglia una serie di lanci a sinistra.

2-0 DI GOMEZ, IL VAR ANNULLA

Un grave errore di Calvano, al 41’, manda in porta Gomez, che ha il tempo di calibrare il tiro del 2-0. L’arbitro Di Bello si consulta col Var e annulla per fuorigioco, che c’è. L’Hellas capisce di avere ancora qualche possibilità, anche se la supremazia tecnica dell’Atalanta è palese e a tratti schiacciante. Ferrari atterra Gomez al 44’ e viene ammonito. La punizione è da posizione pericolosa ma il Papu calcia alto. Nicolas para di piede su Ilicic che si beve due gialloblù.

VAR, RIGORE PER L’ATALANTA E 2-0 DI ILICIC

Il Var toglie, il Var dà. Di Bello ferma tutto prima del corner bergamasco. Le immagini dicono che mentre Ilicic va al tiro deviato da Nicolas in angolo, Fares strattona Petagna dieci metri più in là. Due azioni simultanee ma nettamente distinte, però gli arbitri dicono che è rigore, e Ilicic trasforma.

SECONDO TEMPO, ILICIC CHIUDE LA PARTITA

Valoti prende il posto di Buchel. Nemmeno il tempo di riorganizzarsi che l’Atalanta, in contropiede, fa il 3-0. Una palla mal giocata da Calvano favorisce la ripartenza degli ospiti. Petagna parte a sinistra, attende Ilicic e lo serve. Lo sloventa finta, entra in area e buca Nicolas. La gara si chiude. Aarons subentra a Verde al 10’. Il Verona prova a metterci un po’ di orgoglio, quantomeno per non peggiorare la situazione. Ferrari salva la quarta rete mettendo in angolo. Gomez supera anche Nicolas ma mette fuori al 14’.

Valoti si fa ammonire. Si vede qualche sgroppata di Matos.

TRIPLETTA ILICIC, 0 A 4, POI IL QUINTO DI GOMEZ

L’Atalanta non è sazia. Arrivano al limite dell’area, quelli di Gasperini, al 24’. Raccoglie Ilicic che da fermo fa partire una fucilata che colpisce la parte sotto della traversa e si infila in gol. La curva canta, decide di sostenere, anche dopo il quinto gol di Gomez al 29’,  frutto di una papera di Nicolas, che si fa passare la palla sotto le gambe consegnandola all’attaccante. I contestatori di Pecchia danno, di contro, libero sfogo al loro malcontento. Gomez coglie un palo con lo scavetto, ci sarebbero gli estremi per fischiare la fine anticipata del match.

Dopo due vittorie arriva una mazzata. Dagli altri campi Chievo e Crotone perdono, mentre vince il Cagliari. La salvezza resta a tre punti. Ora la pausa, poi l’Inter. Il Verona proverà a ricaricarsi per un aprile che sarà decisivo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy