Verona ce l’hai fatta!  A Cesena è festa, si torna in serie A!!

Verona ce l’hai fatta!  A Cesena è festa, si torna in serie A!!

0-0 al Manuzzi, si scatena la torcida gialloblù in Romagna e in Bra

Trionfo a Cesena! L’Hellas si riprende la serie A grazie a uno 0-0 che garantisce il secondo posto.

I gialloblù di Fabio Pecchia festeggiano al Manuzzi assieme agli oltre 4 mila scesi in Romagna il raggiungimento del grande obbiettivo dopo una stagione iniziata fortissimo, proseguita zoppicando ma conclusa in gloria. In Bra, nel frattempo, migliaia di tifosi si esaltano davanti al maxischermo.

Fabio Pecchia schiera Nicolas in porta, Pisano, Bianchetti, Ferrari e Souprayen a comporre la difesa, Fossati, Zuculini e Bessa a centrocampo, in avanti Romulo, Pazzini e Siligardi.

Il Cesena risponde con un 3-5-2. In porta debutta il giovane Bardini, Donkor, Rigione e Ligi sono i tre centrali, in mezzo al campo da destra ci sono Setola, Crimi, Laribi, Garritano e Falasco, in avanti Rodriguez e Ciano.

PRIMO TEMPO, SUPERIORITA’ HELLAS, MA LA GARA NON SI SBLOCCA

Il muro dei tifosi gialloblù è spettacolare. Un grave incidente in autostrada dopo Faenza ne ha fatti arrivare all’ultimo molti, ma i 4.116 ci sono tutti pochi minuti dopo il fischio d’inizio di La Penna. La tensione si avverte nell’aria, poi l’arbitro fischia l’inizio.

L’avvio è contratto, col Verona che fa la gara. Bessa si muove subito bene a sinistra. Al 10’ il primo pericolo per Bardini arriva da un cross dalla destra di Romulo che Pazzini gira sopra la traversa di un soffio. Al 17’ Romulo viene steso in area dopo una bella triangolazione con Bessa. Un minuto dopo arriva un traversone nell’area di Nicolas che non mette paura. Souprayen si divora il vantaggio al 20’ arrivando in corsa su uno splendido assist di Pazzini. Al 23’ primo brivido per Nicolas quando Garritano spara rasoterra e la palla lambisce il palo.

27’: Bessa, dopo un bel contropiede di Fossati, riceve palla sulla lunetta e, pur coperto, tira con Bardini che controlla. Il Cesena alza il baricentro e ci prova di più in avanti, mentre l’Hellas si avvicina alla porta ma non trova la stoccata, anche perché preferisce spesso lo stretto in verticale con Fossati e Romulo all’aprire il gioco, in particolare a destra dove Pisano è raramente chiamato in causa.

SECONDO TEMPO, ROMULO SI DIVORA DUE GOL IL CESENA FA PAURA NEL FINALE MA….E’ FESTA!!!!

Romulo, dopo due minuti, ha la palla buona ma si mangia il gol davanti al portiere dopo aver rubato palla a Crimi. Il numero 2 si ripete al 52’ ma ancora Bardini lo neutralizza in uscita. Il  portiere cesenate para subito dopo un un tiro di Siligardi blindando la porta. L’Hellas è al momento del massimo sforzo per arrivare al vantaggio. Minuto 16’, Pecchia fa il primo cambio inserendo Valoti per Siligardi. Ferrari è attento e chiude bene in alcuni tentativi di incursione del Cesena.

Il secondo cambio di Pecchia arriva al 34’ quando Troianiello sostituisce Romulo. Iniziano i minuti infuocati, quelli nei quali pregusti la festa ma hai il terrore che un episodio ti condanni. Un collega di Cesena mi dice che la squadra di Camplone non ha mai corso quest’anno come in questa gara. I minuti scorrono lentamente. Ferrari è encomiabile mentre i gialloblù stentano a ripartire. I romagnoli provano a rovinare la festa, si trema.

L’urlo della curva dell’Hellas si fa sempre più forte e continuo. Luppi entra al posto di Bessa. A uno dalla fine Crimi sfiora il gol. Sono quattro i minuti di recupero, “Torniamo in serie A” canta la curva.

E’ fatta! Serie A! Il Verona di Pecchia è promosso, i tifosi esplodono di gioia, e ora che festa sia!

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy