DIECI MOTIVI IN ORDINE SPARSO PER CUI VERONA-MILAN NON SARA’ MAI UNA PARTITA COME LE ALTRE

DIECI MOTIVI IN ORDINE SPARSO PER CUI VERONA-MILAN NON SARA’ MAI UNA PARTITA COME LE ALTRE

di Redazione Hellas1903

1. Gianfranco Zigoni-uno: “Ma chi si credono di essere? Questo è il nostro stadio e vinciamo noi”. 

2. Gianfranco Zigoni-bis: “Gli ho messo un gran pallone sulla testa, al mio amico Paolo Sirena. Ha dovuto spettinarsi per colpirlo e così ha fatto gol”.

3. Adrian Mutu e quel tiro sotto la traversa. Era il gol della salvezza. Invece no.

5. Gullit e Van Basten. E il pallonetto di Caniggia. Fatto sta che si perse e che a un ragazzino di dodici anni non pareva proprio giusto.

5. Colombo che prende a calci tutto quello che intercetta. Soprattutto Davide Pellegrini.

6. Victor Hugo Sotomayor. E intanto siamo pari.

7. Lo sguardo di Gianluca Gaudenzi dopo l’1-1.

8. La maglia di Marco Van Basten.

9. Osvaldo Bagnoli che esulta come non l’avevate visto fare neanche a Bergamo il 12 maggio 1985.

10. Silvio Berlusconi che si cala sulla testa il Borsalino e parla di “arbitraggio esemplare”. Se ne faccia una ragione, Cavaliere!

P.S.: Beh, di motivi per considerare speciale Verona-Milan, ce ne sarebbero, francamente, millanta. Ma il galateo ci insegna che è meglio ricorrere, a tempo e luogo, ad archiviarli alla voce "varie ed eventuali", ché non si sa mai…

MATTEO FONTANA

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy