Corsa a ostacoli per l’okay a Barrow, ma l’Hellas ci crede

Corsa a ostacoli per l’okay a Barrow, ma l’Hellas ci crede

Il ruolo di Juric nel possibile passaggio dell’attaccante al Verona, la concorrenza, i tempi

di Redazione Hellas1903

Resta complicata la trattativa per portare a Verona, in prestito dall’Atalanta, Musa Barrow.

Proseguono i contatti tra la dirigenza gialloblù e quella nerazzurra. Da un lato Tony D’Amico, dall’altra Luca Percassi e Giovanni Sartori.

Operazione in salita, con molti ostacoli, perché su Barrow c’è tanta Serie A, con la Spal che, però, punta forte a chiudere per Babacar, mentre il Genoa è una pista bloccata, al momento. Il Cagliari conta sul rapporto d’amicizia tra Sartori e Rolando Maran. All’estero, c’è stato un sondaggio del Reims.

Il Verona, dal canto suo, ha in Ivan Juric l’allenatore ideale per Barrow: il legame con Gian Piero Gasperini, la mancanza di perplessità quando c’è da far giocare, da titolare, un giovane di prospettiva, un tipo di calcio aggressivo e verticale, ritagliato attorno alle caratteristiche dell’attaccante gambiano.

Tra le ragioni del sì e quelle del no, comunque una soluzione molto difficilmente arriverà prima della prossima settimana, visto che l’Atalanta ha qualche problema in avanti (Ilicic è squalificato) e Barrow serve per la panchina all’esordio in campionato, domenica con la Spal.

Poi se ne potrà riparlare nel dettaglio. Sia con il Verona che con le altre, numerose pretendenti al talento uscito da Zingonia.

M.F. 

@teofontana

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy