gazzanet

Verona-Genoa, le pagelle: Simeone decide, Bessa pennella, Gunter difende

Getty Images

Caprari, manca soltanto il gol. Ilic sempre meglio, Hongla entra bene

Matteo Fontana

MONTIPÒ 6

 

Puntuale nella risposta a Portanova, tiene saldamente il controllo della porta, senza prendere rischi, eccezion fatta per una palla “velenosa” su cui Lazovic spazza.

 

CECCHERINI 6,5

 

Concede poco o niente, non si fa condizionare dall’ammonizione che prende e che “gestisce” bene. Col Napoli giù, stavolta la storia è diversa.

 

GUNTER 7

 

Insuperabile. Bravo in chiusura quanto in fase d’impostazione. Eccola di nuovo, la torre di controllo della difesa gialloblù. Prova da leader autentico qual è.

 

CASALE 6

 

Non si fa impensierire, è attento nella lettura dei movimenti degli attaccanti del Genoa.

 

FARAONI 6,5

 

Sulla sua fascia ha il pieno controllo (e comando) della situazione. Accelera con forza e il Genoa deve arretrare.

 

TAMEZE 6

 

Senza di lui non si può stare, anche in una giornata in cui, a volere essere pignoli, è meno brillante del solito, con qualche pallone giocato in maniera imprecisa. Moltiplica le forze nel finale.

 

ILIC 6,5

 

Regia accorta, senza affrettare la giocata. Ragiona bene e lo fa fare anche alla squadra. Conferma, di nuovo, di essere in piena maturazione.

 

LAZOVIC 6,5

 

Nel primo tempo è una delle saette che mandano in crisi il sistema di Blessin. Poi cerca il contropiede e, soprattutto, è lesto a chiudere davanti alla porta su un tentativo di Piccoli.

 

BESSA 7

 

Pennella un pallone favoloso per lanciare in profondità Simeone sul gol che decide la partita. Altri ne tocca con identica finezza, interpretando con classe il ruolo di trequartista. Convincente.

 

CAPRARI 6,5

 

Il palo, con deviazione sul filo di Sirigu, gli toglie il gol che avrebbe meritato per la giocata e per la fantasia. Ci sono delle occasioni che, invece, gli scappano via per un attimo di indecisione di troppo.

 

SIMEONE 7

 

Di gol ne fa uno, un altro paio non arrivano per una questione di dettagli. La sua rete risolve la gara: per lui è la numero 16, siglata con fiuto da splendido delantero. La dedica è per nonno Carlos, che se n’è andato da poco. Il grande cuore del Cholito trascina sempre.

 

 

DEPAOLI  6

 

Regge con prontezza dalla sua parte.

 

HONGLA 6,5

 

Il mezzo voto in più è un riconoscimento alla tenacia di un giocatore che è cresciuto molto. Grinta e corsa fondamentali nella volata verso la vittoria.

 

SUTALO 6

 

Utile per tenere distante il Genoa.

 

FRABOTTA ng

 

 

TUDOR 7

 

Partita preparata bene e diretta meglio. Approccio elettrizzante, primi 45’ a tratti dilaganti. Il secondo gol non arriva e il conto delle energie spese si fa sentire. Fa i cambi giusti quando servono e festeggia una vittoria meritata al di là del risultato.

tutte le notizie di