Il Bentegodi saluta Puliero. La Curva: “Ciao Roberto! Semo qua sioràssi e pitochi”

Il Bentegodi saluta Puliero. La Curva: “Ciao Roberto! Semo qua sioràssi e pitochi”

Grande commozione per il saluto allo storico radiocronista

di Redazione Hellas1903

Dieci minuti prima dell’inizio di Verona-Fiorentina il Bentegodi ha fatto silenzio. Dagli altoparlanti sono stati diffusi gli ultimi istanti della gara del 12 maggio 1985 con la voce di Roberto Puliero. Sul megaschermo la foto di Roberto, sorridente, all’interno di uno stadio. In tribuna stampa sono stati deposti dei fiori nella sua postazione, dove campeggiava una sua immagine e la sua sciarpa gialloblù. La tromba ha suonato il silenzio, poi un lunghissimo e commovente applauso. Accanto al posto di Puliero hanno preso posto la moglie Kety Mazzi, e i fratelli Renzo, Francesco e Mario con le loro famiglie. L’Hellas Verona ha donato una maglia del 1985 che tutti i colleghi della stampa hanno firmato.

Poi l’omaggio e il saluto della Curva Sud, con una sciarpata impressionante e lo striscione “Semo qua tuti insieme, bocia e vecioti, siorassi e pitochi, el Verona nel cor. Ciao Roberto!”. L’arbitro fischia l’inizio ma la Curva tace, le sciarpe in alto. Dopo due minuti l’applauso e il coro “Per sempre voleremo in alto”. I tifosi della Fiorentina a loro volta hanno esposto uno striscione con scritto “Ciao Roberto”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy