Il punto tattico: la Sampdoria di Ranieri

Il punto tattico: la Sampdoria di Ranieri

I blucerchiati, prossimi avversari del Verona, ora difendono meglio, ma quanta fatica sui calci piazzati

di Michele Tossani, @MicheleTossani

Dall’arrivo di Claudio Ranieri, la Sampdoria utilizza il 4-3-1-2 dopo i tentativi infruttuosi del suo predecessore Eusebio Di Francesco (2 vittorie e 6 sconfitte nelle 8 gare della sua gestione, coppa Italia compresa) di installare il 4-3-3.

A cambiare non è stato però soltanto il modulo di base. Infatti, con l’avvento del tecnico romano la compagine blucerchiata ha mutato anche atteggiamento tattico e sistema difensivo. Ora la Samp è solita rinunciare al controllo della palla (44.2% il possesso medio, terz’ultima in serie A) favorendo invece la gestione degli spazi attraverso l’utilizzo di un baricentro spesso basso, volto a creare campo alle spalle della linea difensiva avversaria da attaccare poi con rapide transizioni.

Per favorire questo atteggiamento Ranieri chiede ai suoi di disporsi con due linee da quattro, coinvolgendo anche gli attaccanti che sono chiamati a lavorare sotto la linea della palla.

Nonostante il sopracitato baricentro basso, la linea arretrata blucerchiata non si schiaccia sempre al limite della propria area, preferendo invece tenere un atteggiamento che la porta a cercare di stazionare più avanti dei propri ultimi sedici metri.

Detto questo, la linea difensiva risulta piuttosto vulnerabile contro i palloni giocati in profondità o sopra linea, perpetuando così quelle difficoltà nella lettura della palla scoperta che avevano già piagato la gestione Di Francesco (esonerato proprio dopo la sconfitta dell’andata col Verona).

In generale, la squadra bascula scivolando sul lato palla e aggredendo il portatore quando la sfera viene a trovarsi in zona esterna. Con palla nei corridoi centrali invece l’atteggiamento è più volto alla chiusura degli spazi e al tentativo (non sempre perfetto) di tenere corti i reparti.

Questo atteggiamento ha comunque prodotto qualche risultato alla fase difensiva blucerchiata: nonostante i 5 gol presi dalla Fiorentina, da quando è arrivato Ranieri la Samp risulta essere l’undicesima difesa del campionato per reti subite (27, come il Sassuolo) e addirittura la settima per occasioni concesse in termini di xGA (21.03).

Da sistemare risulta però la difesa sui calci piazzati con la Samp che ha concesso in stagione finora ben 7 reti su calcio d’angolo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy