Il Verona blinda Udogie, offerte rifiutate e rinnovo fino al 2022 per il giovane talento

Il Verona blinda Udogie, offerte rifiutate e rinnovo fino al 2022 per il giovane talento

Respinte le proposte di Everton e Monaco, l’Hellas punta sul ragazzo della Primavera

di Redazione Hellas1903

Ne aveva già parlato Ivan Juric come di un ragazzo con i mezzi per fare bene nel calcio professionistico. Destiny Udogie, terzino sinistro di 17 anni, si allena con la prima squadra e quest’anno con la Primavera ha totalizzato 10 presenze mettendo a segno tre reti.

Un talento che, riporta Sky, il presidente Setti e il ds D’Amico non hanno voluto lasciarsi sfuggire nonostante le richieste di Everton e Monaco che hanno presentato proposte ufficiali di diversi milioni di euro.

Così, l’Hellas oggi ha comunicato che “Destiny Udogie si è legato contrattualmente al Club gialloblù sino al 30 giugno 2022“.

Nato a Verona il 28 novembre 2002 e di origini nigeriane, Udogie – terzino sinistro con spiccate attitudini offensive che gli hanno permesso di ricoprire anche il ruolo di mezz’ala – è approdato nel Settore Giovanile dell’Hellas all’età di 10 anni.

La sua crescita in seno al vivaio gialloblù lo ha portato a collezionare, nelle ultime stagioni, 25 presenze con 6 gol nel biennio 2017-2019 con la formazione Under 17, mentre nella stagione corrente ha disputato 10 partite e segnato 3 reti fra campionato Primavera e Coppa Italia di categoria.

Udogie ha vestito la maglia azzurra delle Nazionali Under 16 (2 presenze), Under 17 (15 presenze e 2 gol), Under 18 (4 presenze) e Under 19 (3 presenze).

Il 17enne terzino sinistro gialloblù ha preso parte fra fine ottobre ed inizio novembre scorsi ai Mondiali Under 17 in Brasile, andando in gol contro il Messico nella fase a gironi, ma ha anche disputato a luglio 2019 gli Europei Under 19 in Armenia, scendendo in campo da titolare contro Portogallo, Armenia e Spagna.

Foto Hellas Verona

 

 

Fonte: Hellas Verona

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy