gazzanet

Juric: “A Verona il periodo più bello della mia vita. Tudor è un fratello”

Juric: “A Verona il periodo più bello della mia vita. Tudor è un fratello”

L'ex allenatore dell'Hellas: "Ringrazierò per sempre tutto l'ambiente gialloblù"

Redazione Hellas1903

"È stato il periodo più bello della mia vita, abbiamo fatto grandi cose. Ringrazierò per sempre tutto l'ambiente, è stato magnifico". Così Ivan Juric nella conferenza stampa di presentazione di Torino-Verona di domani.

Prosegue l'ex tecnico dell'Hellas: "Cosa ha in più Verona? Il Toro ha una storia da far innamorare tifosi in tutta Italia, è una storia particolare anche per la tragedia. È una società molto importante. Il Verona ha grande sentimento, lì mi sono trovato benissimo perché i veneti sono speciali: hanno grande attaccamento alle tradizioni e alla squadra, sentono loro l'Hellas. Ora loro hanno 15-20 mila persone alle partite, noi 6-7. Qua ci sono le scorie del passato e ci vuole di più per far tornare i tifosi allo stadio. Ringrazio quelli che vengono, ci danno sostegno, ma non c'è l'entusiasmo che avevo a Verona

Setti mi ha fatto i complimenti? Non sono solo i risultati, ma il modo di lavorare: lui è stato un presidente eccezionale, mi ha permesso di fare ciò che avevo in testa insieme al direttore. Abbiamo cambiato mentalità e metodi, portando dentro tante persone. Potevamo fare tutto stando nel budget, lo ringrazierò per tutta la vita. E' difficile che ciò che accada, che anche il direttore la pensi come te. Abbiamo messo passione e amore, siamo partiti da zero costruendo un qualcosa di fantastico. Trovare uno come Setti è difficile, qua vediamo.

Tudor? Allena da dieci anni, lui è mio fratello. Condividiamo tante cose, sono strafelice di ciò che sta facendo: il progetto continua, è una cosa bellissima. È un tecnico di qualità, ma la vita è dura e a volte va bene e a volte no".

tutte le notizie di