Juric: “Creiamo tanto, serve più convinzione”

Juric: “Creiamo tanto, serve più convinzione”

Il tecnico gialloblù: “Di Carmine non ha recuperato. Kumbulla? Gioca chi sta meglio.”

di Redazione Hellas1903

Ivan Juric, in conferenza stampa, ha risposto alle domande alla vigilia del match di campionato contro la Sampdoria.

Sfida difficile? “Per noi sono tutte molto difficili se non le affrontiamo bene, altrimenti possiamo fare buone prestazioni. Dobbiamo giocare ai nostri ritmi, cercando di muovere bene la palla”.

Come sta la squadra? “Con il Cagliari è stato un buon punto. Qualcuno sente un po’ fatica, ma in generale stiamo bene”.

Verre e Di Carmine? “Di Carmine non ha recuperato, Verre è una delle opzioni, non so se giocherà. Lui ha avuto molte occasioni, è un dato positivo, ma è stato sfortunato. Può migliorare l’intensità, partecipa al gioco d’attacco ma ogni tanto ha bisogno di una pausa e in Serie A non puoi concedertele”.

Sui due mediani: “Stanno facendo molto bene. Amrabat fisicamente è devastante, Veloso è meglio tecnicamente, ma fanno bene entrambe le fasi. Veloso mi pare stia bene di testa e spero continui così, con scioltezza”.

Su Kumbulla: “Non lo sto dosando, non credo in queste cose. Guardo gli allenamenti e gioca chi sta meglio, senza guardare all’età.  Sono ragazzi seri, possono fare una buona prestazione”.

Lo stesso vale per Salcedo? “No, Salcedo è istinto puro, si diverte, Kumbulla è un uomo. Non so se serva gestirlo, magari mi perde quella spensieratezza. Lui ha l’istinto del giocatore, quando lo noti non lo devi frenare, ce l’ha dentro”.

Verona che fatica a concretizzare? “Creiamo tanto, a volte siamo stati sfortunati. Nell’ultima partita potevamo fare meglio, in quelle precedenti c’è stata sfortuna. L’altra volta ci sono state situazioni in cui serviva più convinzione”.

Su Stepinski: “Sono contento, ha l’atteggiamento giusto. Ogni nostro giocatore ha dei limiti, se stanno qua significa che da altre parti non è andata bene. Bisogna lavorare e vedere dove si arriva col lavoro. L’importante è che tutti abbiano la predisposizione a migliorarsi. Questo vale anche per lui, ha l’atteggiamento giusto. Ci sono stati palloni da mettere dentro e io mi aspetto anche i gol. Non credo faccia un lavoro maggiore degli altri, fa il lavoro che fa una punta”.

Zaccagni e Tutino: “Il primo poteva far meglio in zona gol. Ha avuto delle occasioni, ma non l’ho visto male come livello di gioco. Abbiamo una squadra che ha difetti, non bisogna esagerare con le critiche. Vado leggero, non credo ci siano cali di attenzione, ma perché stiamo crescendo. Tutino sta passando un periodo di adattamento. Negli ultimi giorni l’ho visto meglio, lo tengo in considerazione”.

J.M.B.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy