Juric: “Non metto croci addosso a nessuno. Dobbiamo essere umili e pedalare”

L’allenatore del Verona: “Senza tanti giocatori e spremendo gli altri non possiamo crescere a livello di gioco”

di Redazione Hellas1903

Ivan Juric parla in conferenza stampa dopo la sconfitta interna del Verona con la Sampdoria

“Il primo tempo – dice l’allenatore dell’Hellas – è stato alla pari, nel secondo la Sampdoria ha fatto meglio e ha vinto meritatamente. Non metto croci addosso a nessuno. Dobbiamo essere umili e pedalare. Lovato? Ha fatto poche partite, se ci aspettiamo che sia un fenomeno siamo fuori di testa. Lui ha bisogno di anni per migliorarsi. Come lui altri ragazzi talentuosi come Salcedo e Colley devono crescere. Non avevo molte scelte in attacco in avanti, rispetto ad altre volte. Finora siamo andati oltre ogni previsione. Senza tanti giocatori e spremendo gli altri non possiamo crescere a livello di gioco. Stiamo sereni, pensiamo alla salvezza e continuiamo così nel nostro percorso di crescita”.

A Hellas Channel, aggiunge poi Juric: “Le prossime sfide contro Fiorentina e Inter? Lo spirito giusto, quello che ci ha portato fino a qui, non si deve mai perdere. Adesso prepariamo al meglio i prossimi incontri, mantenendo la serenità per proseguire al meglio sulla nostra strada”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy