Juventus, arrestati 12 capi ultras

Juventus, arrestati 12 capi ultras

La società bianconera li aveva denunciati lo scorso anno

di Redazione Hellas1903

La Polizia ha arrestato 12 capi ultrà della Juventus, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla procura di Torino e durata oltre un anno. Le accuse sono di associazione a delinquere ed estorsione aggravata, autoriciclaggio e violenza privata. Coinvolti tutti i principali gruppi del tifo organizzato bianconero: ‘Drughi’, ‘Tradizione-Antichi valori’, ‘Viking’, ‘Nucleo 1985’ e ‘Quelli… di via Filadelfia’. Oltre ai capi ultrà, risultano indagati anche un’altra quarantina di soggetti, che fungevano da referenti nelle varie città italiane.

La denuncia era partita dalla Juventus, dopo che il club nel 2018 aveva deciso di interrompere una serie di privilegi concessi ai gruppi ultrà. Questi avrebbero messo in atto una “capillare strategia criminale” per ricattare la società e riacquisire quanto tolto. Dalle indagini è emerso anche che uno dei principali gruppi del tifo bianconero, i ‘Drughi’, riusciva a recuperare centinaia di biglietti per le partite allo Stadium, grazie alla compiacenza di agenzie e negozi abilitati alla vendita sparsi in tutta Italia.

Fonte: sport.sky.it

J.M.B.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy