L’avversario, il Milan di Giampaolo

L’avversario, il Milan di Giampaolo

Attenzione a Suso, intoccabile per il tecnico rossonero

di Jacopo Michele Bellomi, @jjbellomi
giampaolo

Terza giornata di Serie A: dopo Bologna e Lecce, ecco che a Verona arriva il Milan, allenato dal tecnico Marco Giampaolo.

COME ARRIVA – Partenza così così in campionato per i rossoneri, che hanno perso con l’Udinese e vinto col Brescia. Entrambe le gare sono terminate 1-0, un dato che mostra una certa difficoltà in zona gol. Piatek ha le polveri bagnate e non sembra essere quello della scorsa stagione, ma in generale è tutta la squadra che pare ancora in fase di rodaggio con il nuovo allenatore. Attenzione a Suso, invece, già partito con un assist e giocate di classe.

MERCATO – Sessione estiva intensa per il Milan. Usciti Cutrone e Andre Silva, sono arrivati Leao, dal Lille per 25 milioni, e Rebic, dall’Eintracht Francoforte. Investimenti importanti anche per Bennacer e Krunic, lo scorso anno all’Empoli, per il terzino Hernandez, ex Real Madrid, e per il difensore Duarte del Flamengo.

PROBABILE FORMAZIONE – Giampaolo è corso ai ripari rivedendo il suo modulo prediletto con il trequartista e virando su uno con due esterni d’attacco. Una soluzione in linea con le gestioni precedenti e che si adatta alle caratteristiche dei giocatori in rosa. Suso e Piatek sono i punti fermi, mentre l’altro attaccante dovrebbe essere Castillejo, con Rebic che ha chance di entrare a gara in corso. Ballottaggio anche per un ruolo a centrocampo, dove parte favorito Calhanoglu su Paqueta.

MILAN (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Kessie, Bennacer, Calhanoglu; Suso, Piatek, Castillejo.

PRECEDENTI – I risultati degli ultimi due incontri tra Verona e Milan sono contrastanti e risalgono alla stagione di Serie A 2017/18. La gara di andata vedeva i rossoneri in difficoltà dopo l’esonero di Montella e l’affidamento della squadra a Gattuso: la partita terminò 3-0 per l’Hellas al Bentegodi, con reti di Caracciolo, Kean e Bessa. Al ritorno fu tutta un’altra storia, tanto che il match finì 4-1 per il Milan: ai gol di Calhanoglu, Cutrone, Abate e Borini, si ricorda il primo in A di Lee.

EX VERONA – L’unico giocatore con un passato gialloblù tra le fila del Milan è Ante Rebic. L’attaccante croato ha giocato con il Verona la seconda parte della stagione 2015/16, in prestito dalla Fiorentina, collezionando 10 presenze in Serie A.

J.M.B.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy