Pagelle Verona, Nicolas parata decisiva, Fossati sbaglia, Pazzo troppo solo

Pagelle Verona, Nicolas parata decisiva, Fossati sbaglia, Pazzo troppo solo

In difesa Boldor e Ferrari tengono. Fares timido, Bessa stanco

di Matteo Fontana, @teofontana

NICOLAS 7

Dopo il macro-errore di Avellino, con la Spal salva il Verona ribattendo di piede il tiro-roulette di Zigoni. Poi è la traversa a evitare il gol sul tiro di Vicari.

FERRARI 6,5

Buon esordio. Si mostra sempre attento, gioca senza sbavature. Non si prende rischi e per questo lo si vede molto raramente dall’altro lato del campo, ma è una scelta calibrata.

CARACCIOLO 6

Veniva, pure lui, dalla magra di Avellino. Ritrova la necessaria concentrazione e riesce a fare da argine, pur tra qualche difficoltà.

BOLDOR 6,5

Contiene Floccari, che ha esperienza a tonnellate, sfidandolo sul piano dei muscoli. Duello che vince lui, anticipando spesso il centravanti della Spal

SOUPRAYEN 6

Meglio nel primo tempo, quando sale con maggior frequenza. Poi arretra e si nota di meno.

F. ZUCULINI 6

Maratoneta di centrocampo, gran corridore che, ogni tanto, finisce fuori giri. Non si ferma finché le batterie non gli esauriscono.

FOSSATI 5,5

Sbaglia molti palloni. Troppi. E alcuni di questi sono “sanguinosi”, perché permettono alla Spal di creare situazioni pericolose. Appare macchinoso.

BESSA 5,5

Sfiora il gol con un tracciante dalla distanza, ma è l’unico bagliore della sua partita. Tira la carretta da mesi e accusa una punta di stanchezza.

ZACCAGNI 6

Non finisce la partita perché Di Paolo, con un decisione più che severa, e senz’altro eccessiva, lo espelle nel corso del recupero. Comincia lento, accelera nella ripresa.

PAZZINI 5,5

Sconta un difetto nello schieramento del Verona: lo lasciano da solo là davanti e pensare che possa inventarsi gol estratti dal cilindro della fantasia è roba uscita dal “Mago di Oz”. Non può restare l’unico riferimento offensivo dell’Hellas.

FARES 5,5

Di nuovo titolare (l’ultima volta era stata a Pisa il 25 ottobre), si propone con timidezza, non azzarda né il dribbling, né lo scatto. E per questo non incide.

 

LUPPI 5,5

Entra al posto di Zuculini, ma pasticcia.

CAPPELLUZZO 6

Ha la palla della possibile vittoria sul piede: grande girata, grande risposta di Meret.

GANZ ng

 

PECCHIA 6

Il Verona che ha costruito in estate, quello che creava tanto e non di meno segnava, non è quello di adesso. E questo accade già da mesi. Ora lo deve ridisegnare. Con la Spal il punto potrebbe sembrare poco. Invece, a ragionarci bene, è un plus, non un minus. Si può fare di più.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy