Salcedo, velocità e colpi di classe per l’Hellas

Salcedo, velocità e colpi di classe per l’Hellas

Juric l’ha fatto esordire a 15 anni, poi la Nazionale e l’Inter, fino ad arrivare a Verona

di Jacopo Michele Bellomi, @jjbellomi

Manca solo l’ufficialità per Eddie Salcedo al Verona. L’attaccante classe 2001 (compie 18 anni a ottobre) lascia l’Inter in prestito, con diritto di riscatto e contro-riscatto, e vestirà la maglia gialloblù.

CARRIERA – Nato in provincia di Genova da genitori colombiani, entra nelle giovanili del club rossoblù nel 2011 e fa subito notare le sue qualità, già dall’Under 17. La stagione 2017/18 rapresenta lo spartiacque nella carriera del calciatore: il tecnico Juric lo fa esordire in Serie A a 15 anni, alla prima di campionato contro il Sassuolo, e lo aggrega alla prima squadra, almeno finché non viene esonerato dal Genoa. Tornerà in campo solo al termine del campionato, ma nel frattempo è titolare nell’attacco della formazione Primavera, con cui segna 6 gol in 24 presenze, più 3 nel torneo di Viareggio, terminato ai quarti contro l’Inter. Proprio i nerazzurri vengono stregati da Salcedo e lo prendono in prestito: con la Primavera dell’Inter chiude con 13 reti in 35 presenze complessive tra le varie competizioni e la società lo riscatta con un investimento da 8 milioni. Ora passa al Verona in prestito, dove ritrova il suo mentore Juric.

NAZIONALE – Salcedo gioca nella Nazionale Under 19, con cui ha disputato già 12 partite (4 reti). Ha indossato la maglia azzurra all’Europeo 2019 di categoria e nelle gare di qualificazione. L’attaccante è rientrato tra i pre-convocati al mondiale Under 20, ma poi il CT l’ha lasciato fuori dalla rosa dei 23 . Può vantare anche un’esperienza con la Nazionale maggiore, dato che Mancini a fine aprile lo ha chiamato per uno stage per i giovani emergenti.

RUOLO – Eddie Salcedo è un attaccante che sfrutta velocità e rapidità come suoi punti di forza. Destro, risulta molto pericoloso quando rientra dalla sinistra e tenta la conclusione angolata. Nella Primavera dell’Inter ha giocato sia punta centrale, sfruttando le sue accelerazioni e la sua capacità di difendere il pallone, sia da esterno d’attacco a sinistra. Alto 188 cm, è dotato di un’ottima elevazione, qualità che lo rende pericoloso anche sugli sviluppi dei calci piazzati.

NEL VERONA – Juric ne conosce le caratteristiche e la stagione all’Inter lo ha fatto crescere. Salcedo rappresenta un’alternativa di qualità nella formazione dell’allenatore e, sul finale di gara, le sue accelerazioni possono essere un’arma in più. Il giocatore sarà il terzo o quarto attaccante della rosa, possibile vederlo maggiormente tra i due a supporto della punta.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy