Tare: “Non vogliamo riprendere per interesse. Se il calcio si ferma sarà un disastro sociale”

Il direttore sportivo della Lazio: “Non siamo egoisti e neanche sciocchi. Il pallone dà da vivere a 370mila persone”

di Redazione Hellas1903

Il direttore sportivo della Lazio, Igli Tare, ha parlato a “la Repubblica”.

Queste le sue dichiarazioni: “Scudetto? Noi ci siamo. Proveremo a vincerlo adesso, se la Serie A riprende, oppure l’anno prossimo. Arriviamo da lontano e non ci fermiamo qui. Riprendere per interesse personale? Chi lo dice non ha capito niente, ci sono ancora 36 punti in ballo e la Lazio non è così egoista o sciocca. Ma sappiamo che il calcio dà da vivere a 370 mila persone, se si ferma sarà il fallimento per tanti e l’Italia perderà pezzi di storia non solo sportiva. Sarà un disastro sociale”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy